spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Asl Toscana Sud Est: è arrivata nelle tre province la prima fornitura di vaccini AstraZeneca

    La campagna di vaccinazione inizierà giovedì 11 febbraio e durerà fino a domenica 14 febbraio, in relazione alle dosi in arrivo. A destinazione anche il nuovo invio di Pfizer-Biontech

    SIENA – È arrivata oggi a Grosseto la prima fornitura per la Asl Toscana sud est del vaccino AstraZeneca.

    Si tratta di 3.400 dosi che verranno distribuite a tutte le tre province. Ad Arezzo 1.300 dosi, a Siena 1.100 e a Grosseto 1.000. La ripartizione è definita in base alla popolazione dei territori.

    I vaccini, da Grosseto, verranno consegnati a due plessi ospedalieri dell’area senese e aretina che fungeranno da hub territoriale, per la provincia di Arezzo l’ospedale San Donato, per quella di Siena l’ospedale di Nottola.

    Le prenotazioni per questa prima fornitura di AstraZeneca sul portale prenotavaccino.sanita.toscana.it apriranno questa sera alle 18.

    La campagna di vaccinazione inizierà giovedì 11 febbraio e durerà fino a domenica 14 febbraio, in relazione alle dosi in arrivo, che ammontano per questa settimana a 15.400 in tutta la Regione Toscana, di cui 3.400 nella Asl Tse. Giovedì, venerdì e sabato le vaccinazioni si svolgeranno dalle 14.30 alle 18.30, la domenica dalle 9 alle 13.

    Per questi primi quattro giorni verranno aperti alcuni dei punti vaccinali previsti sull’intero territorio regionale, tra i quali si potrà scegliere in fase di prenotazione.

    Per l’Asl Toscana sud est le tre strutture sono il Centro Affari di Arezzo, la discoteca Papillon a Monteroni d’Arbia, due punti vaccinali nell’ex centro direzionale di Villa Pizzetti e il distretto sanitario Barbanella a Grosseto.

    Le categorie che potranno prenotarsi in questa prima finestra di quattro giorni (con soggetti tra i 18 e i 55 anni compiuti), in considerazione della fornitura prevista, sono: personale scolastico e universitario, docente e non docente, di ogni ordine e grado; Forze armate e di Polizia (Forze armate, Polizia di Stato, Guardia di finanza, Vigili del fuoco, Polizia municipale, polizie locali).

    Con le prossime forniture settimanali si aprirà anche alle altre categorie, che rientrano sempre in questa fase e in merito alle quali si attendono ulteriori comunicazioni e dettagli dalla struttura nazionale.

    Al momento della prenotazione l’utente potrà scegliere il luogo più comodo e vicino, insieme alla data e all’ora dell’appuntamento.

    Pfizer-Biontech

    Contemporaneamente sono state consegnate oggi ai due ospedali Covid di Arezzo e Grosseto le nuove forniture di fiale del vaccino anti-Covid Pfizer-Biontech.

    Come nelle precedenti due spedizioni sono arrivate 390 fiale per ogni ospedale per un totale di 4.680 dosi vaccinali divise per due provincie (2.340 a Grosseto e 2.340 ad Arezzo).

    Per Siena i vaccini vengono consegnati all’ospedale di Santa Maria alle Scotte dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese. Qui sono arrivate 585 fiale (che saranno gestite tra Asl Tse e Aou Senese) per un totale di 3.510 dosi.

    Ad oggi le persone vaccinate in provincia di Arezzo sono 6.235 (1.337 ospiti residenze e 4.898 operatori sanitari), 4.098 in provincia di Grosseto (790 ospiti residenze e 3.308 operatori), 4.336 in provincia di Siena (1.482 ospiti residenze e 2.854 operatori), in tutto 14.669 nell’Asl Toscana sud est.

    Accanto alla somministrazione della prima dose prosegue anche la campagna di vaccinazione con la seconda dose.

    In tutta l’Asl Toscana sud est sono 10.369 coloro che hanno completato il percorso vaccinale (4.377 ad Arezzo, 3.117 a Siena e 2.875 a Grosseto), di questi 2.469 sono ospiti delle residenze sanitarie, assistite e case di riposo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...