spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Asl Toscana Sud Est, il dg D’Urso: “Il virus è ancora presente. Nessuna leggerezza, fate la quarta dose”

    "I numeri sulla quarta dose sono poco confortanti. Ma noi non molliamo e continuiamo a lavorare per dare corrette informazioni e servizi puntuali per la vaccinazione"

    SIENA – “I numeri sulla quarta dose sono poco confortanti, ma noi non molliamo e continuiamo a lavorare per dare corrette informazioni e servizi puntuali per la vaccinazione”.

    A dirlo è il direttore generale dell’Asl Toscana sud est, Antonio D’Urso, che fissa alcuni paletti sulla situazione Covid.

    “Oggi – riprende – il messaggio che viene largamente diffuso è quello di una situazione certamente in via di miglioramento; ma i pazienti fragili e gli over 80 vanno sostenuti ed invitati a vaccinarsi”.

    “In Israele – prosegue – dove la quarta dose viene somministrata da molto più tempo che in Italia, sono stati condotti studi che hanno dimostrato come nella popolazione anziana la vaccinazione con quarta dose determina una protezione verso le forme gravi di infezione triplicata rispetto a quella conferita dalla terza dose”.

    “Per questo motivo – continua – il Ministero della Salute ha introdotto anche in Italia il richiamo di quarta dose per le persone con più di 80 anni, per gli ospiti dei presidi residenziali per anziani e per le persone di 60 anni e più con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti o preesistenti”.

    “Vorrei ribadire ancora una volta – prosegue ancora il direttore D’Urso – che l’efficacia di questo vaccino si attesta intorno al 90% nel prevenire casi di malattia severa e di morte. Se, ad esempio, prendiamo il tasso di ospedalizzazione nel periodo 11 marzo/10 aprile 2022, così come il tasso di ricoveri in terapia intensiva, vediamo che nei non vaccinati è circa 4 volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster”.

    “Se poi ci concentriamo sul tasso di mortalità – evidenzia – il dato che emerge è ancora più netto. Nei non vaccinati (36 decessi per 100mila) è circa 9 volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster (4 decessi per 100mila). Quindi è chiaro che le persone anziane o fragili devono rinforzare la loro immunità attraverso la somministrazione della seconda dose di richiamo (o quarta dose) purché sia trascorso un intervallo minimo di almeno quattro mesi (120 gg) dalla prima dose booster (terza dose)”.

    “Naturalmente nessuna delle persone che hanno contratto l’infezione da SARS-CoV-2 dopo la somministrazione della terza dose – precisa ancora – dovrà fare la quarta”.

    Il nostro appello è molto chiaro, – conclude il direttore Antonio D’Urso – Chiunque rientri in queste fasce di popolazione dovrebbe vaccinari  e lo può fare in molte modalità: può rivolgersi direttamente al proprio medico di medicina generale oppure prenotarsi per eseguire la vaccinazione presso un centro vaccinale del dipartimento della Prevenzione dell’Asl Toscana sudest attraverso il portale “prenota vaccino” di Regione Toscana”.

    Dal primo di aprile la vaccinazione anti-Covid nell’Asl Toscana sud est rientra nelle attività ordinarie erogate dal dipartimento di prevenzione.

    La responsabile della campagna vaccinale è la dottoressa Elena De Sanctis che, in accordo con la cabina di regia vaccini, ha predisposto un programma di vaccinazioni nei centri vaccinali consueti.

    Al momento attuale ogni zona ha agende per la prenotazione delle quarte e terze dosi.

    È, naturalmente, garantita anche la prenotazione delle prime dosi per i ritardatari e per i bambini nella fascia di età 5/11 anni.

    Fino al 15 maggio ci sono ancora 680 slot liberi su 2000 configurati con una saturazone delle agende del 68%.

    È possibile vaccinarsi anche presso alcune farmacie e dal proprio medico di famiglia o pediatra di libera scelta.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...