mercoledì 3 Marzo 2021
Altre aree

    Asl Toscana Sud Est: monitoraggio con tamponi rapidi per le persone che assistono anziani a domicilio

    Da giovedì 28 gennaio, i badanti e le badanti che prestano servizio nelle province di Arezzo, Siena e Grosseto avranno l’opportunità di monitorare ogni quindici giorni il loro stato di salute

    SIENA – L’Azienda Usl Toscana Sud Est, al fine di tutelare gli anziani fragili a domicilio contro l’infezione Covid-19 e il personale che presta loro assistenza, ha organizzato un percorso di monitoraggio attraverso la fornitura di tamponi rapidi per verificare l’eventuale contagio.ù

    Da giovedì 28 gennaio, i badanti e le badanti che prestano servizio nelle province di Arezzo, Siena e Grosseto avranno l’opportunità di monitorare ogni quindici giorni il loro stato di salute – ed escludere così di aver contratto l’infezione da Covid-19 – attraverso la somministrazione del tampone antigenico rapido (Poc) in uno dei punti drive through organizzati dall’Azienda Usl Toscana Sud Est.

    Per poter usufruire del servizio è sufficiente inviare una mail all’indirizzo [email protected], riportando nell’oggetto la frase “Prenotazione Poc badanti”.

    E indicando, nel testo della mail, il nome, il cognome (da nubile, se l’interessata è una donna), il comune di residenza/domicilio, il codice fiscale e un numero telefonico di riferimento al quale poter essere sicuramente contattati in caso di necessità.

    La Centrale Covid risponderà alla mail indicando il giorno, l’ora e il luogo dell’effettuazione del tampone, ove occorrerà presentarsi con la tessera sanitaria.

    “Le badanti, i badanti e i datori di lavoro – dicono dalla Ausl Toscana SE – sono invitati a fruire di questo servizio di sorveglianza epidemiologica, importante non solo per i lavoratori, ma anche per le persone fragili assistite e per tutta la comunità”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...