spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Attivati ventiquattro posti letto di Medicina Covid all’ospedale Serristori

    Sospesa solo la chirurgia di sala per dare supporto alle terapie intensive del Santa Maria Annunziata: restano tutte attive le specialistiche ambulatoriali

    FIGLINE INCISA VALDARNO – Torna ad essere strategico in tema-Covid l’ospedale Serristori di Figline Incisa Valdarno anche in questa quarta ondata pandemica, con l’apertura di due nuovi reparti Covid di Medicina.

    Il primo reparto medico dell’ospedale di Figline convertito per accogliere pazienti con infezione da Covid-19, sarà pronto con 10 posti letto a partire già da questo giovedì 13 gennaio.

    Nei giorni successivi sarà riconvertito anche il secondo reparto medico con l’obiettivo di arrivare ad avere una disponibilità complessiva, tra primo e secondo reparto di Medicina, di 24 posti letto.

    La decisione è stata presa dalla direzione generale in accordo con quella sanitaria, per far fronte alle esigenze del quadro pandemico di questi giorni.

    Attuando, fra l’altro, quanto già annunciato sul piano di espansione di posti letto e sul ricorso a risorse interne della propria rete ospedaliera.

    L’apertura dei 24 posti letto nell’ospedale Serristori avverrà mantenendo aperti tutti i servizi delle specialistica ambulatoriale attualmente in essere.

    Poliambulatorio, dh oncologico, ambulatorio pediatrico (allergologia), consultorio centro donna, cup, ambulatorio ortopedico, fisioterapia, punto prelievi, trasfusionale e centro sangue, dialisi, cardiologia, endoscopia e chirurgia ambulatoriale oculistica.

    E’ sospesa invece l’attività chirurgica di sala, in quanto il personale medico e sanitario verrà dirottato sull’ospedale Santa Maria Annunziata, per dare supporto nelle terapie intensive Covid e Utic Covid.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...