mercoledì 25 Novembre 2020
Altre aree

    Chianti fiorentino: i Comuni promettono controlli e multe a chi viola le norme anticontagio

    Da oggi tre pattuglie della Polizia locale monitoreranno il rispetto delle restrizioni nei territori di Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti e San Casciano

    CHIANTI FIORENTINO – “Le regole sono fatte per essere rispettate e non disattese, come purtroppo in alcuni casi si è riscontrato nei nostri territori. Soprattutto alla luce del raggiungimento della soglia di alta criticità nella quale è entrata la nostra Regione, nessuna distrazione è più ammessa, le prescrizioni ministeriali devono essere osservate alla lettera e sorrette da adempimenti puntuali, senso di responsabilità individuale e consapevolezza collettiva del rapporto tra indice di contagiosità ed emergenza sanitaria”.

    Non suona più semplicemente come un invito, un’esortazione al rispetto delle restrizioni quello che i sindaci del Chianti rivolgono ai cittadini residenti nei Comuni di Greve in Chianti, San Casciano e Barberino Tavarnelle, ma piuttosto come una ferma e perentoria disposizione che richiede osservanza inderogabile delle misure contenute nel Dpcm volte al contenimento della diffusione della pandemia.

    Da oggi, domenica 15 novembre, i Comuni dell’Unione del Chianti fiorentino effettueranno controlli più serrati e multe a chi viola le norme anticontagio.

    “Abbiamo usato tutti gli strumenti comunicativi, comunicati stampa, post, dirette Facebook – commentano i sindaci – per richiamare costantemente l’attenzione sull’importanza di attenersi scrupolosamente alle azioni di contrasto al Covid-19 definite dal governo”.

    “Ma il virus – aggiungono – continua a circolare. Considerati gli scenari di rischio che hanno investito la nostra regione, riteniamo necessario rafforzare l’attività di controllo sui possibili trasgressori”.

    I sindaci Paolo Sottani, Roberto Ciappi e David Baroncelli hanno stabilito di procedere con un giro di vite sui cittadini di ogni età che ignorano le regole dettate dalle linee guida della presidenza del Consiglio dei Ministri.

    “Ogni giorno tre pattuglie monitoreranno i territori – precisano – con l’obiettivo di verificare l’idoneità degli spostamenti, appurare il rispetto delle misure anticovid tra i cittadini e nelle attività commerciali e soprattutto ispezionare strade, piazze e spazi urbani per mettere a freno i possibili assembramenti”.

    I contravventori rischiano multe fino a 1.000 euro. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...