spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Coldiretti: “Effetto Omicron sugli agriturismo. Molte cancellazioni nell’ultima settimana”

    "Legate in parte all'obbligatorietà di presentare il green pass per accedere alle strutture, ed in misura maggiore al crescente tasso di positività e alle quarantene preventive"

    FIRENZE – L’avanzare dei contagi da Covid-19, spinti in particolare dalla variante Omicron, e le nuove restrizioni hanno “congelato” le prenotazioni negli agriturismi toscani per Capodanno e per il ponte della Befana.

    Il cauto ottimismo di alcuni operatori e associazioni di categoria di appena sette giorni fa sta lasciando gradualmente spazio all’incertezza.

    A dirlo è una stima di Coldiretti Toscana che parla di “situazione in evoluzione” per la prima regione italiana per accoglienza rurale, con una rete composta da 5mila strutture, 84mila  posti letto e 60mila posti a tavola.

    “Gli effetti delle crescenti preoccupazioni per gli effetti della variante Omicron, e l’alto numero dei contagi stanno portando in molti casi a disdette. Le strutture che offrono pernottamento sono quelle che soffrono di più, va meglio per le strutture che propongono ristorazione” spiega Luca Serafini, presidente Terranostra Toscana.

    “Disdette e mancate prenotazioni – spiega ancora – sono legate in parte all’obbligatorietà di presentare il green pass per accedere alle strutture, ed in misura maggiore al crescente tasso di positività e alle quarantene preventive che praticamente stanno condizionando la normalità di moltissime famiglie. Stiamo navigando a vista. Le buone previsioni di un mese fa sono state spazzate via”. 

    “A pagare il prezzo più salato sono – sottolinea Coldiretti – le strutture impegnate nell’alloggio, nell’alimentazione, nei trasporti, divertimenti, shopping e souvenir con la cancellazione di molti eventi legati al Capodanno nelle località turistiche, a partire dalle tradizionali feste in piazza”.

    “In montagna – riprende l’associazione agricola – gli effetti si fanno però sentire sull’intero indotto delle vacanze, dall’attività dei rifugi fino alle aziende agricole con le attività di allevamento e coltivazione impegnate a garantire le forniture alimentari”.

    “Proprio dal lavoro di fine anno dipende buona parte della sopravvivenza delle strutture agricole che – conclude il presidente di Terranostra – svolgono un ruolo fondamentale per il presidio del territorio contro il dissesto idrogeologico, l’abbandono e lo spopolamento”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...