spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Coldiretti: “Il via libera a Sputnik riporterà in Toscana 200mila turisti russi”

    Il provvedimento consente l'arrivo in Italia degli stranieri con certificati di guarigione o vaccinali da più di sei mesi compresi quelli ottenuti con Sputnik o con altri vaccini non autorizzati dall'Italia

    FIRENZE – Via libera al ritorno di oltre 200 mila turisti dalla Russia, che prima della pandemia erano venuti in vacanza in Toscana.

    E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti Toscana in riferimento al provvedimento varato dal Consiglio dei Ministri, che consente l’arrivo in Italia degli stranieri con certificati di guarigione o vaccinali da più di sei mesi compresi quelli ottenuti con Sputnik o con altri vaccini non autorizzati dall’Italia con l’esito negativo di un tampone effettuato 48 ore prima se antigenico o 72 se molecolare.

    I turisti russi, secondo l’elaborazione dei dati Istat di Coldiretti, sono passati da 221.000 a 29.000 tra il 2019 ed il 2020.

    “Per la Toscana – spiega Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Toscana – si tratta di una svolta importante dopo che lo scorso anno gli arrivi dalla Russia sono praticamente azzerati con un crollo dell’86% con pesanti effetti sull’economia e sull’occupazione nelle aree in cui in passato erano presenti”.

    “Il ritorno dei vacanzieri dalla Russia nella nostra regione – rimarca – è strategico per l’ospitalità turistica nelle mete più gettonate anche perché i visitatori da questo paese hanno tradizionalmente una elevata capacità di spesa”.

    “E’ un altro piccolo passo – specifica – verso la normalità dopo il superamento dell’obbligo del tampone per 3 milioni di viaggiatori provenienti dai 27 Paesi dell’Unione Europea a cui servirà il solo green pass per poter tornare a soggiornare nella nostra regione e nel nostro Paese”.

    “Gli agriturismi da soli – ricorda Filippi – intercettavano prima della pandemia oltre 500 mila turisti stranieri. La loro assenza si è stata molto pesante con un crollo dei fatturati che abbiamo stimato in 100 milioni di euro rispetto al periodo pre-pandemico”.

    Coldiretti stima che un terzo della spesa turistica sia destinata proprio all’alimentazione per consumi in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi e acquisto di vino e specialità alimentari da riportare a casa.

    Gli agriturismo in Toscana, che contano 5 mila strutture autorizzate e 90 mila posti a letto, sono il simbolo dell’accoglienza rurale e del turismo all’aria aperta.

    “Il superamento dell’obbligo del tampone – fa eco Luca Serafini, presidente Terranostra Toscana – che per molti ha rappresentato un grande limite e così per il via libera dei vaccinati con Sputnik, porta con se il significato di un ritorno ad una graduale normalità che stiamo ottenendo grazie al piano vaccinale”. 

    “Vogliamo continuare ad essere fiduciosi per il futuro – conclude – e per la nostra terra consapevoli che il turismo rurale rappresenta una fetta importante dell’accoglienza e dell’identità del nostro Made in Tuscany”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...