domenica 9 Maggio 2021
Altre aree

    Consiglio della Regione Toscana. Commercio: sospendere il Durc per gli ambulanti

    Lo chiede una mozione, presentata dalla consigliera Elena Meini (Lega), e approvata (a maggioranza) dal consiglio regionale

    FIRENZE – Sospendere, per gli anni 2021 e 2022, la presentazione del Durc, richiesta ai commercianti ambulanti, per i rinnovi delle concessioni di posteggio in scadenza entro il 31 dicembre di quest’anno.

    È quanto chiede alla giunta regionale il dispositivo finale di una mozione, presentata dalla Lega, prima firmataria la consigliera Elena Meini, che è stata approvata a maggioranza dal consiglio regionale della Toscana, nella seduta di ieri pomeriggio.

    “Il problema – ha spiegato Meini illustrando l’atto all’aula – riguarda molti ambulanti che sono alle prese con la partecipazione ai bandi dei Comuni per il rinnovo delle concessioni dei posteggi nei mercati”.

    I Comuni, come si legge nella parte narrativa dell’atto, chiedono infatti la presentazione del Durc, ma molti ambulanti rischiano di non poter ottemperare perché, a causa della crisi generata dalla pandemia e dei mancati introiti per la sospensione dei mercati, non sono in regola con i pagamenti dei contributi.

    “Sarebbe perciò opportuno – ha concluso Meini – una deroga alla legge regionale che prevede l’obbligo di presentazione del Durc”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...