giovedì 21 Gennaio 2021
Altre aree

    Coronavirus, disposizioni straordinarie per gestione rifiuti in Rsa e abitazioni private

    Una delle problematiche per le persone isolate in casa è quella del ritiro dei rifiuti: ecco la nuova ordinanza emessa dalla Regione Toscana

    FIRENZE – Due nuove ordinanze a firma del presidente della Toscana, Eugenio Giani, per disciplinare la complessa materia dei rifiuti in termini di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

    La prima ordinanza firmata oggi, la numero 113, è dedicata alla gestione dei rifiuti da parte dei gestori del servizio e degli impianti per le strutture socio-sanitarie residenziali territoriali, dove sono presenti ospiti risultati positivi al Covid-19 in isolamento obbligatorio.

    Si tratta di disposizioni tecnico-gestionali per la raccolta, il trattamento e lo stoccaggio di questi rifiuti nei territori di propria competenza, in condizioni appropriate e di massima sicurezza.

    ORDINANZA 113

    ALLEGATO

    La seconda ordinanza, sempre firmata oggi, la numero 114, disciplina la materia per quanto riguarda, invece, i rifiuti che provengono da locali e luoghi adibiti a uso di civile abitazione.

    In cui siano in isolamento obbligatorio persone risultate positive al Coronavirus.

    ORDINANZA 114

    ALLEGATO

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...