spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Coronavirus, ordinanza per tracciamento, test e cure presso gli aeroporti per cittadini extra Ue

    Da sabato 18 luglio le Aziende sanitarie dovranno allestire, presso gli aeroporti di Pisa e di Firenze, stazioni di accoglienza per cittadini provenienti con voli extra Schengen

    FIRENZE – Da sabato 18 luglio le Aziende sanitarie territorialmente competenti dovranno allestire, presso gli aeroporti di Pisa e di Firenze, stazioni di accoglienza per cittadini provenienti con voli da aree extra Schengen.

    Lo stabilisce l’ordinanza che ha firmato oggi il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, e che resterà valida fino alla fine dello stato di emergenza sanitaria.

    Nelle stazioni di accoglienza saranno registrati tutti coloro che entrano in Italia dalle aree extra Schengen che dovranno effettuare il periodo di 14 giorni di isolamento fiduciario con sorveglianza attiva in base al DPCM 11 giugno 2020, articolo 4 comma 3 prorogato dal DPCM 14 luglio.

    Presso i punti di accoglienza sarà offerta anche la possibilità di fare i test sierologici e i test molecolari.

    Sarà anche garantita la possibilità di isolamento presso alberghi sanitari per chi risulti positivo nonché per chi ha eventuali contatti stretti con i positivi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...