domenica 29 Novembre 2020
Altre aree

    Coronavirus: Toscana, da zona rossa a…? Cosa è cambiato e cosa ci aspetta: l’analisi di ARS

    L'Agenzia Regionale di Sanità: "Restano delle criticità, relative all'elevata incidenza e all’impatto sul sistema sanitario, sia per il sovraccarico negli ospedali, che per la capacità di tracciamento"

    FIRENZE – “Il monitoraggio dei dati toscani nelle prossime due settimane sarà fondamentale per capire le tendenze della diffusione dei contagi e del loro impatto sul sistema sanitario regionale”.

    E’ la conclusione dell’analisi di Daniela Nuvolone, svolta per l’Agenzia Regionale di Sanità (Ars) della Toscana (qui). Che parte dal passaggio della Toscana da zona arancione a rossa, “”sulla base dei dati contenuti nel Report n. 26 dell’ISS (settimana 2-8 novembre)”.

    Nuvolone fa il punto della situazione nell’ambito “del consueto aggiornamento settimanale, l’ISS ha pubblicato il Report n. 27, con i dati relativi alla settimana 9-15 novembre”.

    La prima tabella del Report presenta il quadro sintetico di alcuni dei 21 indicatori che sono alla base del sistema di monitoraggio che porta alla classificazione dei territori regionali.

    Monitoraggio settimanale Covid 19 report 27 9 15 novembre
     

    “In un nostro precedente approfondimento – spiega Nuvolone – avevamo analizzato nel dettaglio i passaggi che portano alla classificazione a semaforo. Vediamo cosa è cambiato per la Toscana nell’ultima settimana e cosa possiamo aspettarci nelle prossime settimane”.

    Valutazione della probabilità di diffusione

    “Il primo set di indicatori – si legge nello studio – si riferisce alla valutazione del livello di rischio rispetto alla probabilità di diffusione della pandemia (in tabella sono indicati i valori degli indicatori per la Toscana sia nella settimana 9-15/11 che 2-8/11)”.

    toscana Covid 19 report 27 nuvolone

    “Nel precedente report – prosegue Nuvolone – da questo primo set di indicatori emergeva una discordanza tra trend settimanale del numero di nuovi casi sulla base dei dati della Protezione civile (in aumento del +6.2%), rispetto a quello calcolato sulla base dei dati riportati al sistema di sorveglianza di ISS (-14.4%). Questa discordanza era in buona parte dovuta ai ritardi da parte degli operatori dei Dipartimenti di Prevenzione nella notifica dei casi al sistema integrato ISS, che influenzava l’affidabilità anche di altri indicatori”.

    “Nell’ultima settimana – precisa l’analisi – questa discordanza si è annullataentrambi i trend sono in aumento, anche se ISS continua a segnalare per la Toscana, ma anche per altre regioni, un forte ritardo nella notifica dei casi. Questi indicatori, oltre ad una autovalutazione negativa (nel Report precedente questa autovalutazione era stata affermativa) da parte dei referenti regionali di una “trasmissione non gestibile in modo efficace con misure locali (zone rosse)”, portano ad un rischio moderato (nel Report precedente era alto) per quanto riguarda la probabilità di diffusione“.

    Valutazione dell’impatto

    “La valutazione di impatto – spiega Nuvolone – si basa essenzialmente sui due indicatori riportati in tabella: percentuale di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in area medica“.

    nuovolone 21 04 4

    Per la Toscana “è confermato – si evidenzia – il superamento della soglia sul tasso di occupazione delle terapie intensive (47% pressoché stabile rispetto alla settimana precedente) e rispetto ai posti letto in area medica (36% in lieve diminuzione rispetto alla settimana precedente)”. 

    “Oltre a questi due indicatori – si legge ancora – la valutazione del rischio si basa su una autovalutazione circa la presenza di focolai in popolazioni vulnerabili (Rsa, case di riposo, ospedali). Sulla base di questi elementi, i dati portano ad un rischio alto circa l’impatto della pandemia sui servizi sanitari e assistenziali”.

    Matrice del rischio e resilienza territoriale

    “Alla combinazione delle valutazioni su diffusione e impatto (matrice di attribuzione del rischio) – prosegue ancora l’analisi di ARS – si aggiunge un ulteriore set di indicatori relativi alla resilienza territoriale, per arrivare alla classificazione complessiva del rischio”.

    nuovolone 21 04 5

    Indicatori di resilienza territoriale

    toscana Covid 19 report 27 nuvolone3

    “Per la Toscana – si precisa – sono confermate le due allerte (in rosso in tabella) relative alla percentuale dei tamponi positivi su totale (25,5% pressoché stabile rispetto alla settimana precedente) e alla percentuale di casi di cui si riesce a effettuare una regolare indagine epidemiologica (53,3% in aumento rispetto alla settimana precedente ma ancora sotto il 75%). Quindi, per la nostra regione la valutazione complessiva del rischio (diffusione, impatto e resilienza territoriale) si conferma alta anche nella settimana 9-15 novembre”.

    Scenari Rt

    “A questo impianto base – prosegue Nuvolone – definito con il DM del 30 aprile, quindi in una fase discendente del numero dei contagi dopo il lungo periodo di lockdown totale, si è aggiunto con il DPCM del 3 novembre un ulteriore indicatore relativo all’indice di contagiosità, l’indice Rt, che almeno in questa fase epidemica rappresenta l’indicatore cui viene dato un peso importante nella classificazione finale delle Regioni/PA”.  

    Sono stati definiti 4 livelli o scenari di rischio dell’Rt:

    • scenario 1: Rt <1  situazione di trasmissione controllata

    • scenario 2: 1 <Rt <1.25   situazione di trasmissibilità sostenuta e diffusa ma gestibile dal sistema sanitario

    • scenario 3: 1.25<Rt <1.5  situazione di trasmissibilità sostenuta e diffusa ma con rischi di tenuta del sistema sanitario

    • scenario 4: Rt >1.5 situazione di trasmissibilità non controllata con criticità nella tenuta del sistema sanitario

    “E’ necessario specificare – si aggiunge – che a differenza della gran parte degli altri indicatori, che sono aggiornati al periodo di riferimento (le percentuali di occupazione dei posti letto sono aggiornate al 17 novembre), l’indicatore Rt si riferisce a dati aggiornati a due settimane precedenti, nello specifico i dati dell’ultimo Report n. 27 arrivano al 4 novembre. Questo ritardo, come specificato dall’ISS, è fisiologico ed è dovuto al tempo che intercorre tra l’evento infettivo e lo sviluppo dei sintomi, al tempo tra i sintomi e l’esecuzione del tampone, quello tra l’esecuzione del tampone e la conferma di positività, e quello tra la conferma di positività e l’inserimento nel sistema di sorveglianza integrata ISS. Pertanto, è necessario attendere il consolidamento dei dati al fine di fornire stime attendibili”.

    Per la Toscana, l’indice Rt ha subito le seguenti variazioni:

    • settimana 2-8 novembre (con dati al 28/10):  Rt=1,8 (CI: 1,72- 1,86), scenario 4

    • settimana 9-15 novembre (con dati al 04/11): Rt=1,31 (CI: 1,29-1,32), scenario 3

    Quindi, sulla base di tutte queste valutazioni la Toscana si conferma “zona rossa”.

    Cosa possiamo aspettarci nelle prossime settimane?

    “L’Rt nella nostra regione – si rimarca nell’analisi – così come a livello nazionale, è in calo, ad indicare un effetto delle restrizioni via via messe in atto dai vari DPCM, anche se, è bene ricordarlo, l’obiettivo è riportare l’Rt sotto l’1. Restano delle criticità, relative all‘elevata incidenza e all’impatto sul sistema sanitario, sia per il sovraccarico negli ospedali, che per la capacità di tracciamento, sebbene anche i ricoveri mostrino un rallentamento nella crescita”.

    “Per Lombardia e Piemonte – è la conclusione – che fin dall’inizio sono state classificate in zona “rossa”, nonostante già dall’aggiornamento precedente mostrino un Rt in scenario 3 e nel più aggiornato in scenario 2, viene ancora confermata la zona “rossa”, con possibilità di riclassificazione in zona “arancione” solo dal prossimo aggiornamento. Il DPCM del 3 novembre prevede, infatti, che eventuali passaggi a zone con scenari meno restrittivi devono essere valutati almeno per 3 settimane consecutive, questo per garantire il consolidamento dei dati e dei trend in miglioramento. A questo si aggiungono anche le ipotesi in fase di definizione di un allentamento delle restrizioni in vista delle festività natalizie”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...