spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Covid-19 in Toscana, dati tipici del lunedì: calano i test, scemano i nuovi positivi (oggi 348)

    Provincia con più casi è quella di Firenze. Livorno, Prato e Pistoia: sono 103 i comuni toscani che oggi, lunedì 30 agosto, registrano almeno un positivo

    FIRENZE – Numeri tipici dei lunedì, con calo dei test e calo dei nuovi positivi nella nostra regione.

    Dove, come ricorda il presidente della Regione, Eugenio Giani, ad oggi (30 agosto) “i vaccini attualmente somministrati sono 4.819.127”.

    Come sempre particolarmente importanti saranno i dati sull’incidenza ospedaliera, perché indicheranno quanto questi nuovi contagi si riflettono su ospedalizzazioni e occupazione delle terapie intensive.

    Che, peraltro, è il parametro principale (quello dell’occupazione ospedaliera) che dall’1 agosto in poi definirà i colori delle Regioni. E, di conseguenza, le eventuali restrizioni.

    Con le terapie intensive toscane che iniziano ad essere pericolosamente vicine alla soglia di occupazione da zona gialla (10%).

    “I nuovi casi registrati in Toscana – dice il presidente della Regione, Eugenio Giani – sono 348 su 6.686 test”.

    “Di cui – specifica – 5.136 tamponi molecolari e 1.550 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 5,20% (12,3% sulle prime diagnosi)”.

    Come si vede dalla mappa in alto, corredata dai dati, a guidare la “classifica” di giornata dei nuovi positivi è la provincia di Firenze. 

    Seguono Livorno, Prato e Pistoia: sono 103 i comuni toscani che oggi, lunedì 30 agosto, registrano almeno un positivo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...