spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Covid-19, partono le quinte dosi per gli 80enni ospiti delle Rsa e i 60enni con patologie concomitanti 

    Ma dal 25 ottobre alle 14 sul portale della Regione Toscana anche chi ha sessanta o più anni (e nessuna patologia particolare) potrà prenotarsi

    FIRENZE – Quinta dose di vaccino contro il Covid-19 per gli ottantenni ospiti delle Rsa e i sessantenni con patologie concomitanti e preesistenti che li espongono ad un maggior rischio.

    Per questa fascia di popolazione il Ministero della salute raccomanda il terzo richiamo.  

    Ma dal 25 ottobre alle 14 sul portale della Regione Toscana prenotavaccino.sanita.toscana.it
    anche chi ha sessanta o più anni (e nessuna patologia particolare) potrà prenotarsi. L’opportunità riguarda naturalmente chi ha ricevuto da almeno quattro mesi la quarta dose, fatta con un vaccino monovalente. 

    “E’ importante – sottolinea l’assessore alla salute, Simone Bezzini – che le persone che ancora oggi hanno il rischio più alto di avere effetti negativi e di necessitare dell’ospedalizzazione si vaccinino”.

    “Aiuta loro – riprende – riducendo il rischio di complicanze, ed aiuta anche gli altri, perché riducendo gli accessi al pronto soccorso e in ospedale, si garantiscono prestazioni e posti nei reparti a beneficio di chi ne abbia necessità per altre sindromi o patologie”.   

    La Regione Toscana si è organizzata per la quinta dose sulla base della circolare del Ministero della salute del 23 settembre scorso, che, visto l’aumento dei contagi, ha aggiornato le indicazioni sull’utilizzo dei vaccini a m-Rna bivalenti, quelli adattati alla variante omicron 5.

    L’obiettivo è per l’appunto consolidare ancora di più la protezione nei confronti delle forme più gravi di Covid-19. 

    La circolare raccomanda nello specifico un’ulteriore dose di richiamo per gli ospiti delle Rsa che hanno almeno ottanta anni e per i sessantenni ed over 60 con fragilità motivata da patologie concomitanti o preesistenti, i quali hanno ricevuto una seconda dose di richiamo con vaccino a Mrna monovalente (trascorsi almeno 120 giorni dalla stessa o dall’ultima infezione), e per chi ha almeno sessant’anni e chiede di vaccinarsi, sempre a distanza di quattro mesi dal secondo richiamo (quarta dose) fatto con vaccino monovalente o dall’infezione.   

    Si ricorda che i vaccini contro il Covid possono essere somministrati assieme ad altri vaccini, ad eccezione di quello contro il vaiolo delle scimmie.

    In quel caso l’indicazione rimane quella di far trascorrere almeno quattro settimane.

    La circolare sottolinea l’importanza di considerare la possibilità di fare insieme vaccino contro il Covid e vaccino contro l’influenza, di cui è in corso la campagna stagionale. 

    In attesa dell’apertura del portale delle prenotazioni  – e comunque anche durante – i medici di medicina generale potranno garantire la vaccinazione a tutti i soggetti che intendono aderire: sia per la quinta come per la quarta dose.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua