spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Covid-19, torna a parlare Rossi: “La stragrande maggioranza degli italiani vorrà vaccinarsi”

    "L’egoismo particolaristico dei no vax e il loro antiscientismo preferirei che fossero battuti con la cultura e il sentimento morale. La sanità universale e pubblica e per tutti mostra la sua superiorità"

    FIRENZE – “La vaccinazione è iniziata in tutta Europa. È un momento di svolta per la lotta alla malattia. L’Aifa assicura che entro tre mesi saranno vaccinati tutto il personale sanitario e gli anziani ospiti nelle residenze assistite”.

    Torna a parlare di Covid-19 l’ex presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi. E lo fa sul tema del momento (e dei prossimi mesi), ovvero le vaccinazioni.

    “Rincuora – prosegue Rossi – sapere che tra non molto queste persone, che per motivi diversi sono state colpite in modo tanto forte dal virus, potranno essere in sicurezza”.

    “C’è da augurarsi – e il riferimento al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca è evidente – che nessuno voglia saltare la fila, né tra i politici e neppure tra i ricchi. Si rispetti il calendario delle vaccinazioni, perché l’accesso al vaccino deve essere basato sull’eguaglianza e sul rischio”.

    “Posso sbagliarmi – aggiunge – ma io credo che la stragrande maggioranza dei cittadini sentirà il bisogno di vaccinarsi, senza la necessità di renderlo obbligatorio”.

    “L’egoismo particolaristico dei no vax e il loro antiscientismo – dice ancora – preferirei che fossero battuti con la cultura e il sentimento morale. La sanità universale e pubblica e per tutti mostra la sua superiorità”.

    “L’Europa – sottolinea – è riuscita ad essere unita, ad essere quello che vorremmo fosse sempre, una potenza solidale e federale”.

    “La scienza – rilancia – ha mostrato di saper dare una risposta in tempi rapidi. Ma è emerso anche quanto il dominio del profitto nel settore farmaceutico debba essere calmierato da un ruolo pubblico a livello mondiale e a tutela degli interessi dell’umanità”.

    “Il richiamo del Papa a fare in modo che il vaccino sia davvero per tutti – conclude – è analogo a quello degli esponenti dell’Onu che chiedono che il brevetto non ostacoli la produzione per poter garantire una copertura mondiale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...