spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Covid, “Abbiamo fatto 30. Facciamo 31”: cresce il numero dei testimonial

    La campagna di comunicazione della Regione Toscana per sensibilizzare sull’importanza della vaccinazione anti Covid-19 continua a raccogliere un numero crescente di supporters

    FIRENZE – Prevenzione e sport. La campagna di comunicazione “Abbiamo fatto 30. Facciamo 31. Corri a vaccinarti!”, realizzata dalla Regione Toscana per sensibilizzare sull’importanza della vaccinazione anti-Covid19, con il sostegno di campioni dello sport professionale e dilettantistico, continua a raccogliere un numero crescente di supporters.

    Nel fine settimana vi hanno aderito anche i ragazzi della Polisportiva Firenze Ovest Sezione Tennis Le Piagge, pronti a indossare la maglietta con i colori della Toscana (rosso e bianco) e a dare man forte, con passione e cuore, allo slogan “Abbiamo fatto 30 Facciamo 31”.

    Presentata nei giorni scorsi, in anteprima, al Teatro Verdi di Firenze dal presidente Eugenio Giani e dagli assessori regionali Simone Bezzini (diritto alla salute) e Serena Spinelli (politiche sociali), insieme ad alcuni sportivi testimonial di varie discipline, la campagna si avvia a dare l’ultima spinta a una copertura vaccinale della popolazione senza precedenti.

    L’obiettivo da raggiungere ora è quello di convincere chi non ha ancora fatto la prima dose e sensibilizzare sulla terza, per continuare a essere protetti ed evitare che il virus ritorni a circolare.

    “Già oggi con 6milioni di vaccini somministrati abbiamo tagliato un traguardo storico”, commenta Giani.

    “Questo non vuol dire che dobbiamo abbassare la guardia – rilancia – Anzi i risultati ottenuti ci stimolano a fare ancora di più e a spingere sull’acceleratore della somministrazione di prime, seconde e terze dosi”.

    “Se vogliamo continuare a mantenere sotto controllo l’andamento dei contagi e proteggerci dagli effetti gravi della malattia e dalle insidie delle nuove varianti – sostiene – non abbiamo che un solo strumento: il vaccino”.

    “In Toscana sono 630mila le persone che non si sono ancora vaccinate – prosegue Giani – Di questi, escludendo chi non può vaccinarsi per età, come gli under 12, o chi non può farlo per motivi di salute, sono circa 200mila i toscani che non hanno neanche una dose di vaccino. Non possiamo mollare proprio adesso. Ringrazio tutti i nostri sportivi del loro sostegno”.

    Alla campagna hanno subito aderito, lo ricordiamo, sportivi di varie specialità come il ciclista professionista Alberto Bettiol del team EF Education-Nippo; gli ex giocatori della Fiorentina Lorenzo Amoruso e Christian Riganò.

    L’Affrico basket-serie D; la tennista campionessa mondiale di doppio femminile over 45 Valentina Padula della Società Assi; Simone Ciulli medaglia d’argento nella 4×100 alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 della Florentia Nuoto Club – Rari Nantes Florentia.

    E ancora la pallavolista Elena Pietrini della Savino del Bene (classe 2000, ha vinto con la nostra nazionale femminile l’Europeo di pallavolo ed è stata anche premiata come migliore schiacciatrice); Ambra Sabatini, medaglia d’oro nei 100 metri alle Paralimpiadi di Tokyo 2020, dell’Atletica Grosseto Banca Tema.

    Lorenzo Zazzeri (della Florentia Nuoto Club -Rari Nantes Florentia) medaglia d’argento nella 4×100 alle Olimpiadi di Tokyo 2020, l’intera squadra di bocce dell’Affrico, finalista alle regionali per la seconda categoria.

    Eanche società sportive, direttori e giornalisti del settore come Fabrizio Verniani e Rocìo Rodriguez Valero, Alfredo Ramponi, presidente della Laurenziana, e la sua squadra di calcio.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...