spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Covid, altri tre open day per prima e terza dose del vaccino a Firenze e Borgo San Lorenzo

    E' l'iniziativa "Vaccino dì", lanciata da Ordine dei Medici, Federazione Regionale Misericordie della Toscana e Coordinamento Misericordie Area Fiorentina

    FIRENZE – Tornano gli open day per vaccinarsi. È l’iniziativa “Vaccino dì’, lanciata da Ordine dei Medici di Firenze, Federazione Regionale Misericordie della Toscana e Coordinamento Misericordie Area Fiorentina e sostenuta da Regione Toscana e Usl Toscana Centro.

    L’iniziativa permetterà di poter svolgere sia la prima dose ma anche la terza, per chi ne ha già diritto.

    Il “Vaccino dì” continuerà il 16 novembre in piazza dell’Isolotto a Firenze, per poi proseguire il 23 novembre in via Caduti di Montelungo, a Borgo San Lorenzo e concludersi il 30 novembre in piazza Dalmazia a Firenze. Per tutti gli appuntamenti l’orario è 10-15.

    “Vaccinarsi è l’unica opzione possibile per poter tornare alla normalità – commenta il presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze Pietro Dattolo – In questi giorni diamo anche la possibilità, per chi ne ha diritto, di fare la terza dose, che è essenziale in modo da ampliare la copertura e sconfiggere definitivamente il Covid”.

    “Prosegue con piacere – sottolinea il presidente del Coordinamento Misericordie Area Fiorentina Andrea Ceccherini – la collaborazione tra il Coordinamento Misericordie Area Fiorentina e l’Ordine dei Medici di Firenze, al fine di dare un concreto contributo affinché il vaccino arrivi a tutti, anche a coloro che sono impossibilitati a prenotarlo tramite portale”.

    “Le Misericordie – conclude Ceccherini – sono in prima linea nel promuovere la vaccinazione a tutti i cittadini”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...