domenica 29 Novembre 2020
Altre aree

    Covid, Fp Cgil Toscana: “Il sistema sanitario regionale è in difficoltà, serve subito nuovo personale”

    "Siamo al limite della saturazione dei posti letto nelle terapie intensive, sia per il tasso di occupazione dei posti letto Covid che su quelli dedicati all'attività ordinaria, occorre intervenire immediatamente"

    FIRENZE – “Siamo al limite della saturazione dei posti letto nelle terapie intensive, sia per il tasso di occupazione dei posti letto Covid che su quelli dedicati all’attività ordinaria, occorre intervenire immediatamente”.

    La Fp Cgil, dopo l’allarme lanciato a livello di provincia di Firenze, rilancia anche a livello regionale con Bruno Pacini, segretario generale della Fp Cgil Toscana.

    “Il livello di pressione sui pronto soccorso – riprende Pacini – con i pazienti costretti a lunghe attese è già un segnale di sofferenza del sistema. La Regione con i due assessorati, sanità e sociale insieme alle Aziende Ospedaliere e Universitarie devono rapidamente riprogettare il sistema di risposta all’impennarsi dei contagi. Ci aspettiamo atti chiari e trasparenti che non sollevino dubbi su cosa il SSR può mettere in campo come risposta all’emergenza”.

    “Non c’è più tempo – incalza Pacini – ogni ora che passa senza dare un segnale visibile ai lavoratori, ai cittadini e alle loro rappresentanze crea un senso di sfiducia e malcontento che rischia di indebolire e persino inficiare ogni futura soluzione”.

    “Ai lavoratori della sanità e di tutto il sistema socio sanitario – afferma – e assistenziale è già stato chiesto il massimo, fin dai tempi in cui venivano chiamati eroi. La seconda ondata era attesa, non è pensabile che agli stessi lavoratori vengano richiesti turni massacranti, esposti costantemente al rischio contagio senza una sorveglianza sanitaria sistematica. Si contano già oltre 500 contagiati tra i sanitari, ma il numero é in costante aumento, di ora in ora”.

    “La carenza di personale – rimarca il segretario generale di Cgil funzione pubblica – criticità storica in Toscana, con l’aumento dei casi Covid e un sistema sanitario che deve rispondere su tutti i bisogni di salute dei cittadini oggi diventa insopportabile. I servizi disposti a causa dell’emergenza sanitaria, come le Usca, il subentro del personale Asl in molte Rsa, il numero minimo obbligatorio di operatori da dedicare ad alcune attività (per il semplice prelievo di un tampone e l’esecuzione degli esami, ad esempio) determina un’ ulteriore penuria di personale, sempre lo stesso a fronteggiare servizi supplementari e sempre più complessi”.

    “Crediamo anche – aggiunge – che sia i gestori del privato accreditato e convenzionato nel sistema Socio Sanitario pubblico sia gli operatori di sanità privata possano e debbano avere un ruolo diverso, che passa dalla valorizzazione della responsabilità sociale dell’impresa, un contributo che non si traduca nel vedere i propri costi coperti sempre e comunque dal finanziamento pubblico”.

    “Ma che superi ad esempio – incalza – la vergognosa penalizzazione del mancato preavviso per quei loro dipendenti che si dimettono in quanto vincitori di concorso pubblico”.

    “Ci aspettiamo da subito un segnale da parte della Regione e degli assessorati competenti – dice Pacini – un segnale forte e intellegibile come nella prima fase del lockdown sapendo che la situazione attuale è diversa, certamente non risolvibile con i sacrifici individuali dei lavoratori”.

    “La Toscana è una – conclude – e deve procedere unita affrontando nel modo più responsabile e consapevole questa seconda ondata di contagi, non ci interessano le accuse senza progetto, non ci interessano i capri espiatori, né ci interessa la competizione fra settori, Aziende, lavoratori. Ci interessa procedere a una revisione rapida di questo modello, orientata a quell’efficienza che solo la chiarezza organizzativa di ruoli, percorsi e dotazioni organiche, può garantire, insieme all’efficacia delle azioni”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...