spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 29 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Covid, Gelli, “Bene certificato Ue ma attenzione a qualità dati forniti dai diversi Paesi”

    Il presidente della Fondazione Italia in Salute: "La Fondazione Gates ad esempio ha sottolineato come i dati della Federazione Russa sulle stime di mortalità (effettiva) sono 7 volte quelli dichiarati"

    FIRENZE –  “Il Parlamento europeo ha dato ufficialmente il via al ripristino della libera circolazione e a uno Schengen pienamente funzionante. Con l’approvazione del certificato Covid digitale dell’UE dal 1 luglio si garantiranno viaggi sicuri e coordinati quest’estate”.

    Così Federico Gelli, presidente della Fondazione Italia in Salute. 

    “Il documento – precisa Gelli – attesterà che una persona è stata vaccinata contro il coronavirus o ha effettuato un test recente con esito negativo o che è guarita dall’infezione”.

    “Un quadro comune dell’UE – ricorda – renderà i certificati compatibili e verificabili in tutta l’Unione europea”.

    “Un segnale importante – asserisce – che vede l’Europa lavorare finalmente in maniera coordinata non solo in fase di emergenza ma anche per l’avvio della ripresa”. 

    “Restrizioni alla circolazione – ricorda Gelli – potranno comunque essere previste in caso di necessità per salvaguardare la salute pubblica. In tal senso, si dovrà tenere conto delle prove scientifiche, compresi i dati epidemiologici pubblicati dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie”.

    “Auspico inoltre – tiene ad aggiungere – che si vogliano prendere in considerazione anche altre situazioni legati alla qualità e sicurezza dei dati forniti dai diversi Paesi”.  

    “La Fondazione Gates ad esempio – rimarca – ha sottolineato come i dati della Federazione Russa sulle stime di mortalità (effettiva) sono 7 volte quelli dichiarati, mentre quelli della Polonia il triplo e quelli dell’Ungheria circa il doppio”.

    “Anche queste constatazioni dovrebbero costituire una base di riflessione per i protocolli di spostamento tra Paesi”, conclude Gelli.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua