spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dal 31 gennaio l’hub di Eli Lilly, a Sesto Fiorentino, vaccinerà anche la popolazione

    Dopo avere vaccinato ben 600 lavoratori, Eli Lilly si è resa disponibile a vaccinare anche i cittadini (anche i bambini): prenotazioni sul portale regionale

    FIRENZE – Dal prossimo 31 gennaio presso l’hub aziendale di Eli Lilly a Sesto Fiorentino potranno vaccinarsi anche adulti e bambini.

    Dopo avere vaccinato ben 600 lavoratori, Eli Lilly si è resa disponibile a vaccinare anche il resto della popolazione.

    Ogni settimana, per tutto il mese di febbraio, saranno vaccinati 408 adulti (terze dosi) e 120 bambini di 5-11 anni (prime dosi).

    Nel mese di marzo saranno inoculate le seconde dosi ai bambini. Complessivamente, quindi, presso l’hub di Eli Lilly saranno vaccinati 1632 adulti e 480 bambini.

    I cittadini toscani interessati possono già prenotarsi sull’apposito portale regionale https://prenotavaccino.sanita.toscana.it/#/home.

    “Sono grato alle aziende e alle associazioni di categoria toscane che si sono unite a noi nella lotta al Covid, mettendo a disposizione dei propri dipendenti spazi dedicati alle sedute vaccinali, per accelerare la campagna di somministrazione delle terze dosi booster” commenta il presidente Eugenio Giani.

    “Eli Lilly fa adesso un ulteriore e generoso passo avanti – prosegue – mettendosi al servizio dei cittadini rivolgendosi anche ai bambini, dopo essersi dedicata con ottimi risultati ai propri lavoratori”.

    “La sinergia che è venuta a crearsi tra tutti gli attori, pubblici e privati, della nostra campagna vaccinale – sottolinea Giani – testimonia il gran cuore e il senso civico dell’intera comunità toscana. A questa straordinaria comunità va il mio più profondo e sentito ringraziamento”.

    “Questa sinergia virtuosa tra Regione e imprese rappresenta un valore aggiunto decisivo per il successo della campagna vaccinale – spiega l’assessore Simone Bezzini – e testimonia la capacità di fare squadra della nostra comunità per essere più forti nel contrastare gli effetti della pandemia e tutelare la salute di tutti”.

    “Ringrazio coloro che hanno reso possibile questa iniziativa – tiene a dire l’assessore regionale alla sanità – che si inserisce in un percorso di consapevolezza e impegno diffusi, ampliando i canali di accesso di lavoratori e cittadini alla vaccinazione, in particolare delle dosi booster e delle prime dosi ai più piccoli”.

    “Credo sia doveroso il plauso ed il ringraziamento alle imprese toscane – aggiunge l’assessore all’economia Leonardo Marras – che mettendo a disposizione i propri spazi per vaccinare i dipendenti e, come nel caso della Eli Lilly, anche la comunità, stanno dimostrando quanto anche la comunità economica sia interessata e coinvolta dall’obiettivo di portare avanti in maniera spedita la campagna di vaccinazione”.

    Gli hub aziendali a oggi attivati sono quelli di Eli Lilly a Sesto Fiorentino, Confindustria Toscana Nord a Montecarlo-Lucca, Solvay a Rosignano, Società Autostrade presso la Chiesa di San Giovanni Battista (Uscita A1 – Firenze Nord), Confindustria Pisa a Ospedaletto, Savino del Bene a Scandicci, Unicoop Firenze presso il Centro Commerciale i Gigli, Cna Firenze presso l’Ipercoop di Sesto Fiorentino.

    Le imprese e le associazioni di categoria, che desiderano partecipare alla campagna di vaccinazione in azienda, potranno richiedere i necessari chiarimenti tecnici al seguente indirizzo email: giovanna.bianco@regione.toscana.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...