spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Federica e Maria Teresa: da Torregalli al Contact Photography Festival Toronto 2021

    Bardati con tutti i dispositivi anti Covid-19, il loro piccolo break in terrazza al San Giovanni di Dio è diventato uno scatto da premio

    FIRENZE – Federico e Maria Teresa, scafandrati da capo a piedi, si prendono una pausa su una terrazza del San Giovanni di Dio, a Torregalli, a Scandicci, appena fuori dal reparto Covid dell’ospedale dove lavorano da ore.

    Questa foto, scattata da Clara Vannucci, fotogiornalista fiorentina che un anno fa è entrata nel reparto Covid dell’ospedale di Torregalli per raccontare le cicatrici fisiche ed emotive di un tempo fragilissimo, è stata scelta fra migliaia di immagini dai curatori del “Contact Photography Festival” di Toronto 2021.

    La fotografia sarà esposta tra pochi giorni, a partire da domani 1° di maggio, insieme ad altri scatti, nelle gallerie locali aderenti al Festival che da 25 anni nella città canadese, si fa promotore a livello internazionale di una maggiore consapevolezza delle più importanti questioni collettive e globali.

    Già da giorni una stampa della foto che ritrae i due medici dell’ospedale di Torregalli, è esposta in uno dei luoghi alternativi del Festival, le strade di Toronto.

    La 25° edizione quest’anno racconterà come il Covid ha influenzato molti paesi e il mondo in generale con l’augurio che “prendersi cura” l’uno dell’altro sia il sentimento che Toronto 2021 riuscirà a far emergere.

    “Ci rende orgogliosi che il momento di sollievo in cui sono stati ritratti i nostri medici, impegnati da più di un anno su un fronte ancora difficile – commenta il direttore dell’ospedale San Giovanni di Dio, Simone Naldini – possa essere condiviso con il resto del mondo”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua