giovedì 13 Agosto 2020
Altre aree

    La bacchettata di Rossi: “Troppi cittadini hanno deciso che non ci sono più rischi per la pandemia”

    Il governatore della Toscana: "Non portano mai le mascherine, si assembrano calorosamente e non si lavano né si disinfettano le mani. O sono ignoranti, o sono incoscienti o sono irrispettosi"

    TOSCANA – E’ una sorta di bacchettata sulle nocche quella data questa mattina dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ai cittadini della nostra regione.

    Una bacchettata relativa a come alcuni, molti, stanno vivendo questa fase della pandemia da Covid-19.

    “Passeggiando un po’ per le strade – dice Rossi – e vedendo anche foto, video e messaggi, ci si accorge che ci sono molti cittadini che, andando oltre ogni considerazione dei comitati scientifici, dell’OMS e del buon senso, hanno deciso che non ci sono più rischi per la pandemia”.

    “Pertanto – aggiunge – non portano mai le mascherine, si assembrano calorosamente e non si lavano né si disinfettano le mani. A mio parere o sono ignoranti o sono incoscienti o sono irrispettosi”.

    “Ma se dovessi scegliere – prosegue il Governatore regionale – direi che sono irrispettosi prima di tutto della salute degli altri. E ancor di più di quei lavoratori che sono costretti a lavorare, con disagio, con la mascherina per ore e ore. Come nei bar, nei ristoranti, negli uffici pubblici e nei servizi in genere”.

    “Ancora una volta – accusa – c’è un Paese serio e un Paese che bellamente se ne frega. Mi chiedo se le prefetture e le forze dell’ordine e i vigili urbani non abbiano ancora un compito di vigilare con ragionevolezza all’applicazione di decreti ed ordinanze che sono tuttora in vigore”.

    “Durante il lockdown – dice ancora Rossi – si è visto rincorrere chi sulla spiaggia si faceva in solitudine una corsetta al mattino, oppure sono state elevate multe a chi si allontanava di cento metri in più del consentito dalla propria abitazione. Ora più niente. Chiedo invece che, senza esagerare, chi ha il dovere di controllare riprenda a farlo”.

    “Faccio inoltre presente – riprende – che la nostra ordinanza sull’obbligo delle mascherine (la prima in Italia) fin dall’inizio ne prevedeva l’obbligo in presenza di assembramenti. Già allora noi siamo stati ragionevoli ma non possiamo tollerare che ancora una volta chi disattende le regole non sia neppure richiamato a fare il suo dovere”.

    “Si rischia la solita Italia della doppia verità – conclude – quella delle grida manzoniane che nessuno poi cerca di far rispettare”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino