spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La comunicazione del presidente Giani: “E’ zona arancione. Rialzo di contagi fisiologico, ma da frenare”

    "Ho chiesto al Governo di fare di tutto per acquistare più vaccini e consentirci di somministrarli velocemente. La vaccinazione è la vera arma contro la pandemia"

    TOSCANA – Dopo aver parlato con il ministero della salute, anche il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani comunica ufficialmente il passaggio della nostra regione in zona arancione.

    “Ho parlato con il ministro Roberto Speranza – scrive Giani – e mi ha comunicato la decisione della cabina di regia di portare in zona arancione Toscana, Liguria, Abruzzo e provincia autonoma di Trento”.

    “Sono trascorse 5 settimane in zona gialla – aggiunge – ed è fisiologico un aumento dei contagi che non rappresenta un picco incontrollato, ma invece una progressione che occorre frenare per poter presto riportare condizioni sicure per la salute dei cittadini”.

    “Le Regioni – precisa Giani – non hanno la facoltà di modificare le decisioni delle autorità governative”.

    “Sottolineo comunque – tiene a specificare – come il nostro sistema sanitario stia gestendo in sicurezza la pandemia, perché i numeri dei posti occupati in terapia intensiva e nelle postazioni Covid sono solo un terzo rispetto a quelli di novembre”.

    “Cerchiamo di tenere comportamenti virtuosi e responsabili – esorta Giani – perché con i vaccini stiamo innalzando il fronte di contrasto al Covid”.

    “Ad oggi – fa sapere – abbiamo somministrato 176.060 vaccini, più lo Stato ne trasmette e più rapidamente li somministreremo”.

    “Ho chiesto al Governo di fare di tutto per acquistare più vaccini e consentirci di somministrarli velocemente – conclude Giani – La vaccinazione è la vera arma contro la pandemia”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...