mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    La direzione generale Ausl TC riunisce in Santa Maria Nuova gli operatori e dedica loro il Fiorino d’Oro

    Personale anche da Santa Maria Annunziata e San Giovanni di Dio, ai cui direttori di presidio sono stati conferiti altri Fiorini d’Oro

    FIRENZE – Un momento di vera condivisione perché il riconoscimento arrivasse concretamente a chi ha fronteggiato l’emergenza, è stato quello voluto ieri dal direttore della Asl Toscana centro, Paolo Morello Marchese.

    Che ha riunito in Santa Maria Nuova un gruppo significativo di operatori sanitari, per dedicare loro il Fiorino d’Oro, consegnato nelle sue mani nei giorni scorsi dal sindaco di Firenze.

    La foto di gruppo scattata per l’occasione nel chiostro delle Medicherie ritrae insieme, quali destinatari della massima onorificenza della città di Firenze, medici, infermieri, operatori sanitari, amministrativi, tecnici ospedalieri e del territorio, rappresentanti delle direzioni sanitarie, della Società della Salute di Firenze, dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta.

    Oltre che da Santa Maria Nuova, il personale che ha partecipato oggi proveniva anche dagli altri ospedali fiorentini dell’Azienda, Santa Maria Annunziata e San Giovanni di Dio ai cui direttori di presidio, sempre nei giorni scorsi, sono stati conferiti altri Fiorini d’Oro.

    Il direttore generale insieme anche al direttore sanitario, Emanuele Gori, ha ringraziato tutti loro e tutto il personale che ciascuno di loro rappresenta, dedicando proprio quel Fiorino che quest’anno era assegnato al mondo della sanità e del sociale.

    Dalla direzione generale un caloroso ringraziamento è andato anche al sindaco di Firenze, Dario Nardella, per aver premiato con la massima onorificenza di Firenze tutta la comunità dei sanitari, tecnici e amministrativi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino