spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Toscana chiede la registrazione preventiva del rientro per chi va in Spagna, Grecia, Croazia o a Malta

    Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha scritto una lettera ai ministri dei trasporti, dell'interno e della salute: dovrebbe essere obbligatoria prima di salire in aereo

    FIRENZE – Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha scritto una lettera ai ministri dei trasporti, dell’interno e della salute per chiedere di prevedere l’obbligo della registrazione preventiva del rientro per i viaggiatori che partono dall’Italia diretti verso Spagna, Malta, Grecia e Croazia.

    La stessa richiesta era stata già avanzata al Governo un mese fa per i rientri da Albania e Romania.

    L’obiettivo è quello di rendere realmente possibile l’esecuzione del test molecolare (tampone) prevista dall’ordinanza del 12 agosto del ministero della salute, evitando situazioni di caos, assembramenti e discussioni, come quelle che si sono già verificate nonostante dettagliate campagne di informazione e comunicazione subito avviate e l’attivazione immediata dei servizi di prevenzione delle Asl.

    La registrazione preventiva del rientro, da effettuarsi attraverso siti o pagine web appositamente predisposti dalle Regioni, renderebbe più semplice per servizi di prevenzione del territorio italiano pianificare e dimensionare in anticipo tutte le azioni conseguenti, ed in particolare l’effettuazione dei tamponi.

    La registrazione del ritorno dovrebbe essere ineludibile per consentire l’imbarco sull’aereo o sul vettore.

    Il sito web predisposto dalla Toscana  per comunicare il proprio rientro in Italia da Croazia, Grecia, Malta o Spagna – attivo dalle ore 20 di venerdì 14 agosto – è questo.

    Il numero verde regionale per prenotare i tamponi è 800 556060

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...