spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lunedì 17 apre il centro vaccinale dell’Asl Toscana sud est a Monteroni d’Arbia

    Quello all'ex pronto soccorso delle Scotte sarà gestito dall'Azienda ospedaliero-universitaria Senese

    SIENA – Lunedì 17 gennaio aprirà il nuovo centro vaccinale dell’Asl Toscana sud est alla palestra La Popolare, in via San Giusto 193 a Monteroni d’Arbia, nell’immobile adiacente la discoteca Papillon che ha già ospitato la prima fase della campagna vaccinale.

    Oggi, domenica 16, per i sanitari dell’Azienda sanitaria sarà l’ultimo giorno di lavoro al centro allestito all’ex pronto soccorso del policlinico Santa Maria alle Scotte.

    Che da lunedì 17 sarà gestito direttamente dall’Azienda ospedaliero-universitaria Senese.

    Tutti gli appuntamenti già programmati alle Scotte sono confermati con la stessa sede e orario.

    In provincia di Siena a partire da lunedì saranno così operativi i seguenti centri vaccinali dell’Asl Toscana sud est: a Siena l’asilo “La Pimpa”, il poliambulatorio in via Pian d’Ovile, la sede Asl al Ruffolo solo per i richiami delle vaccinazioni pediatriche già effettuate.

    Quindi palestra La Popolare a Monteroni d’Arbia, sala polivalente ex Macelli a Montepulciano, Centro Macchia Faggeta ad Abbadia San Salvatore, poliambulatorio La Fabbrichina a Colle Val d’Elsa.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...