spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Dicembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Obbligo Green pass dal 15 ottobre. Le procedure per i dipendenti della Asl Toscana sud est

    Chi durante i controlli a campione viene trovato nel luogo di lavoro senza Green pass dovrà essere allontanano immediatamente

    SIENA – La direzione della Asl Toscana sud est ha definito le procedure per gli ingressi riguardanti il personale da oggi, venerdì 15 ottobre, giorno in cui entra in vigore l’obbligo di Green pass per tutti i lavoratori sia pubblici che privati per l’accesso ai luoghi di lavoro.

    Il certificato verde dovrà essere posseduto ed esibito da tutti i dipendenti dell’Azienda per l’accesso e lo svolgimento della prestazione lavorativa compresi anche coloro che esercitano le professioni sanitarie con l’obbligo vaccinale.

    La verifica sarà svolta da soggetti incaricati dai direttori dei dipartimenti, su delega del direttore generale, scelti tra i loro collaboratori di fiducia.

    I controlli si potranno svolgere a campione sia all’ingresso che durante l’attività lavorativa con cadenza giornaliera in misura percentuale non inferiore al 20% rispetto al personale presente in servizio.

    Inoltre, esiste anche la possibilità, qualora l’addetto al controllo lo reputi necessario o opportuno, di procedere a controlli a tappeto.

    Alla mancata esibizione all’ingresso del Green pass o in alternativa della certificazione di esenzione del vaccino, il dipendente non può accedere al luogo di lavoro.

    Stessa cosa se il certificato verde risulta scaduto e non valido. In questi casi l’incaricato al controllo dovrà compilare un verbale di accertamento che sarà inviato al dipartimento di appartenenza del lavoratore inadempiente e alla gestione giuridica del personale.

    Nel caso in cui il lavoratore non accettasse il diniego all’ingresso sul luogo di lavoro, l’incaricato al controllo alla presenza di un testimone, dovrà compilare un verbale di accertamento e contestazione di illecito amministrativo.

    Chi durante i controlli a campione viene trovato nel luogo di lavoro senza Green pass dovrà essere allontanano immediatamente.

    In quel caso si può considerare la violazione del codice disciplinare aziendale e potranno quindi scattare risvolti non solo disciplinari ma anche sanzioni amministrative.

    Il dipendente senza Green pass sarà considerato assente ingiustificato, sarà sospeso lo stipendio e non potrà essere adibito a modalità di lavoro agile.

    I dipendenti inadempienti potranno tuttavia essere riammessi in servizio una volta che avranno presentato un Green pass valido.

    Il documento integrale con le disposizioni per i controlli sull’obbligo del Green pass si può scaricare nell’Albo Pretorio del sito ufficiale dell’Azienda: www.uslsudest.toscana.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...