spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ordine infermieri Firenze-Pistoia: “54 nostri iscritti non vaccinati sospesi dai servizio”

    "Nel caso l'inadempimento permanesse, o venisse violato il dovere di astenersi dalle prestazioni o dalle mansioni interdette, l'Ordine si riserva di valutarne la posizione"

    FIRENZE – L’Asl Toscana Centro sospende gli infermieri non vaccinati.

    E l’Ordine delle professioni infermieristiche interprovinciale Firenze Pistoia, “come da legge – si legge in una nota – ha preso atto della misura, inviando una lettera ai propri iscritti coinvolti dal provvedimento”.

    “La sospensione – spiega ancora l’Ordine – durerà fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale o, in alternativa, fino al completamento del piano vaccinale nazionale e comunque non oltre il 31 dicembre 2021.

    “Come ben descritto dalla normativa 44/2021, abbiamo preso atto della sospensione da parte dell’Azienda Ausl Toscana Centro di 54 infermieri iscritti al nostro Ordine per inosservanza dell’obbligo vaccinale” spiegano da Opi Firenze-Pistoia.

    “Nel caso l’inadempimento permanesse – aggiungono – o venisse violato il dovere di astenersi dalle prestazioni o dalle mansioni interdette, l’Ordine si riserva di valutare la posizione dei propri iscritti”.

    “Come stabilito dal D.L. 44/2021 – riprendono dall’Ordine – che ha introdotto dal 1° aprile l’obbligo vaccinale per gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario, la comunicazione con l’esito di accertamento comporta infatti la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implichino contatti interpersonali”.

    “O comportino – concludono – in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da SARS-CoV-2”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...