spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Partite le vaccinazioni anche al nuovo centro dell’Asl Toscana sud est a Monteroni d’Arbia

    Disponibilità massima di 500 dosi, in contemporanea il centro all'ex pronto soccorso del policlinico Santa Maria alle Scotte è passato sotto la gestione dell'AOU senese

    SIENA – Prime vaccinazioni, lunedì 17 gennaio, al nuovo centro dell’Asl Toscana sud est a Monteroni d’Arbia, nei locali della palestra La Popolare adiacenti la discoteca Papillon, utilizzata nella prima fase della campagna anti-Covid.

    La riorganizzazione delle sedi senesi era partita sabato con le vaccinazioni pediatriche all’asilo “La Pimpa”, adesso inutilizzato per l’attività scolastica, dove si effettuano fino a 300 vaccinazioni al giorno.

    Lunedì il via a Monteroni d’Arbia, con una disponibilità massima di 500 dosi, in contemporanea il centro all’ex pronto soccorso del policlinico Santa Maria alle Scotte è passato sotto la gestione dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese.

    “Queste due nuove aperture ci consentono di aumentare sensibilmente l’offerta vaccinale, rispondendo all’esigenza di incrementare il più possibile il numero delle somministrazioni” afferma Antonio D’Urso, direttore generale dell’Asl Toscana sud est.

    “Le terze dosi – riprende – il coinvolgimento dei bambini dai 5 agli 11 anni e il recupero di chi ancora non aveva fatto la prima dose, ci consentono di affrontare meglio questa fase della pandemia, grazie alla maggiore copertura innegabilmente garantita dalla vaccinazione contro gli sviluppi più gravi della malattia”.

    La mappa dei centri vaccinali in provincia di Siena è completata dal poliambulatorio La Fabbrichina a Colle Val d’Elsa, la sala polivalente ex Macelli a Montepulciano, il centro Macchia Faggeta ad Abbadia San Salvatore.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...