domenica 5 Luglio 2020
Altre aree

    Pensiline per l’attesa fuori dai padiglioni dell’ospedale di Careggi : attive dal 6 luglio

    Servono per aiutare l’utenza che, a causa delle norme sul distanziamento sociale per la prevenzione del Covid-19, non può più essere concentrata nelle sale d’attesa

    FIRENZE – Pensiline per rendere confortevole l’attesa all’esterno dei padiglioni dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi saranno installate a breve agli ingressi del Centro prelievi, del CTO e del San Luca.

    “Sono strutture necessarie – spiega la direzione di Careggi – per aiutare l’utenza che, a causa delle norme sul distanziamento sociale per la prevenzione del Covid-19, non può più essere concentrata nelle sale d’attesa”.

    “Dove – ricorda ancora la dell’Azienda Ospedaliera Universitaria – è possibile entrare previa misurazione della temperatura”.

    Le pensiline saranno attive a partire dal 6 luglio, nel frattempo la direzione di Careggi si scusa, in particolare per i disagi verificati alla Piastra dei servizi, dove ogni giorno si eseguono circa 600 prelievi.

    E in particolare nella giornata di ieri, giovedì 25 giugno, si è verificato un aumento della domanda per un problema ai sistemi di prenotazione.

    Che, nell’arco della giornata di mercoledì 24 giugno, non hanno consentito di eseguire alcuni esami che sono stati fatti ieri mattina.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...