spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ristori per discoteche e parchi a tema: domande dal 2 al 17 dicembre

    Sono previsti contributi a fondo perduto da mille a centomila euro, di cui potranno godere micro, piccole e medie imprese, ma anche professionisti

    FIRENZE – Usciranno giovedì 2 dicembre i bandi dei ristori dedicati a discoteche e parchi a tema, tra i settori che più tardi sono ripartiti dopo le restrizioni imposte per arginare la pandemia.

    Le domande potranno essere inviate a Sviluppo Toscana, struttura della Regione, entro il 17 dicembre.

    A disposizione ci sono 1 milione e 800 mila  euro. La giunta aveva fissato gli indirizzi a metà novembre.

    Sono previsti contributi a fondo perduto da mille a centomila euro, di cui potranno godere micro, piccole e medie imprese, ma anche professionisti, che hanno visto il  proprio giro di affari ridursi di almeno il 20 per cento nel 2020 rispetto all’anno precedente.

    La graduatoria terrà conto della percentuale di perdite avute.

    Più nel dettaglio per discoteche, sale da ballo e night-club sono stati stanziati 500 mila euro di fondi Por Creo e i ristori potranno arrivare fino a 10 mila euro.

    Su parchi a tema, acquari, parchi geologici e giardini zoologici ci sono a disposizione poco meno di 1 milione e 329 mila euro di risorse europee Por Fesr 2014-2020 e l’aiuto ad impresa potrà arrivare fino ad un massimo di 100 mila euro.

    Per tutti nei limiti, chiaramente, della riduzione di fatturato subita.

    L’entità dei ristori sarà determinata anche dal numero di domande ammesse: se ci saranno dei fondi residui derivanti dalla fase istruttoria saranno redistribuiti nella stessa proporzione tra tutti i beneficiari.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...