spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Saldi invernali, Marras: “Dal primo gennaio di fatto nessuna limitazione agli esercenti”

    "L'inizio dei saldi sarà il 30 gennaio ma, come è stato per la passata stagione estiva, è sospesa ogni limitazione per le aziende che vogliono fare promozioni nei 30 giorni precedenti"

    FIRENZE – Polemica sui saldi invernali rinviati a fine gennaio: l’ha sollevata il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia.

    “La nostra delibera parla chiaro  – replica l’assessore al commercio e alle attività produttive Leonardo Marras – L’inizio dei saldi sarà il 30 gennaio ma, come è stato per la passata stagione estiva, è sospesa ogni limitazione per le aziende che vogliono fare promozioni nei 30 giorni precedenti, ovvero a partire dal 1 gennaio”.

    “Il commercio sta subendo gravi perdite, ne siamo consapevoli – prosegue Marras – per questo il dialogo con le associazioni di categoria è costante per individuare soluzioni che ci permettano di gestire al meglio possibile la complessa situazione”.

    “La decisione di far slittare le date di inizio e fine dei ribassi invernali – ricorda – è, ad esempio, frutto di questo confronto”.

    “È chiaro – conclude l’assessore regionale – che le ulteriori restrizioni imposte dal Governo per le festività natalizie hanno arrecato ulteriore danno ai commercianti, ma allungando la stagione dei saldi, di fatto, dal 1 gennaio a fine febbraio, diamo loro la possibilità di organizzare come credono meglio le vendite promozionali”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...