spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scuola, al via (da giovedì 20 agosto) la consegna dei nuovi banchi a Firenze

    E' iniziata la consegna degli 819 nuovi banchi richiesti dalle scuole primarie e secondarie di primo grado al Comune di Firenze. Attesa negli altri comuni

    FIRENZE – Grazie alla collaborazione con i dirigenti scolastici che hanno richiesto alla direzione istruzione i nuovi banchi il Comune, utilizzando Fondi PON 2014-2020, ha espletato una procedura di affidamento e in questi giorni è cominciata la consegna.

    I primi banchi ad essere recapitati sono quelli destinati alle classi che non hanno in corso i lavori di adeguamento avviati dal Comune per garantire il distanziamento.

    Le prime consegne sono quindi partite ieri alle scuole secondarie di primo grado “Guicciardini” e “Manzoni” che avevano richiesto entrambe 24 banchi tradizionali e 24 sedie e proseguiranno anche nei prossimi giorni nelle altre scuole.

    In tutto sono stati richiesti al Comune dalle scuole primarie e secondarie di primo grado fiorentine 549 banchi tradizionali, 250 banchi trapezio (che servono per far mettere i ragazzi in cerchio mantenendo la distanza di un metro).

    E 20 postazioni smart (che verranno utilizzate in alcune aule dagli insegnanti al posto delle cattedre in modo da occupare meno spazio): il tutto per una spesa complessiva di circa 93mila euro finanziati con fondi Pon.

    Ogni scuola può inoltre aver richiesto in autonomia altri banchi al Ministero oltre a quelli richiesti al Comune.

    In base alla tabella di marcia è prevista la consegna di tutti i nuovi arredi richiesti al Comune entro l’inizio dell’anno scolastico.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...