lunedì 1 Marzo 2021
Altre aree

    Storie di Covid: festeggiano 54 anni di matrimonio ricoverati in ospedale

    Giovannina e Michelarcangelo sono ricoverati da quasi un mese all'ospedale di Pistoia: hanno celebrato l'anniversario nella loro stanza di degenza, insieme ai sanitari che li seguono

    TOSCANA – “Umanizzare le cure significa anche questo: festeggiare 54 anni di matrimonio nel setting Cure Intermedie del Ceppo di Pistoia nonostante il Covid-19”.

    Sono le parole di Lucia Cirillo, coordinatrice infermieristica, che ha accolto il desiderio della coppia e dei figli e lo ha assecondato.

    “Un percorso di cura efficace non può prescindere dal considerare anche gli aspetti affettivi ed emotivi” sottolinea Cirillo.

    Lo sanno bene anche Giovannina e Michelarcangelo che da quasi un mese sono ricoverati al “Ceppo”.

    Ma la coppia, marito e moglie, non è mai stata stata separata perché i sanitari, fin dall’inizio della pandemia, nei ricoveri, hanno sempre prestato attenzione anche a questo fondamentale aspetto: i nuclei familiari, per quanto possibile, vengono tenuti uniti.

    Nella stanza di degenza della coppia pistoiese si è così svolta la piccola festicciola per festeggiare i 54 anni di matrimonio di Giovannina e Michelarcangelo perché così hanno voluto anche i figli che hanno organizzato insieme agli infermieri la gradita sorpresa.

    L’abbraccio: fra Giovannina e Michelarcangelo

    “E’ stato un momento di grande emozione anche per noi e siamo felici di aver potuto condividere con gli anziani degenti anche questa esperienza” hanno dichiarato gli operatori.

    Al momento sono complessivamente 48 i pazienti ricoverati nelle Cure Intermedie del “Ceppo”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...