spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 18 Ottobre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Successo per l’iniziativa dell’Asl Toscana sud est: tanti stranieri alla vaccinazione alle Scotte

    La prima vaccinata è stata Sabine El Husseini, di nazionalità libanese-russa, che a Siena studia e lavora

    SIENA – La prima vaccinata è stata Sabine El Husseini, di nazionalità libanese-russa, che a Siena studia e lavora.

    Alle 14.30 di ieri, domenica 12 settembre, ha avuto così inizio la seduta all’ex pronto soccorso del policlinico delle Scotte, promossa dall’Asl Toscana sud est per incentivare la percentuale di vaccinazione anti-Covid tra i cittadini stranieri, che sconta una differenza di circa trenta punti rispetto agli italiani.

    L’occasione, grazie alla collaborazione di soggetti istituzionali e del terzo settore, per raggiungere tante persone frenate da barriere linguistiche o burocratiche.

    In molti si sono presentati già all’apertura del centro, con la doppia corsia destinata alle prenotazioni e all’accesso libero.

    Ad aiutare gli stranieri più in difficoltà con la lingua per la compilazione dei moduli e il colloquio con gli operatori stranieri, quattro mediatori culturali nelle lingue urdu, arabo, inglese, francese, albanese-kosovaro.

    L’iniziativa è proseguita per tutto il pomeriggio fino alle 19.30.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...