spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tamponi boom, 39.519 test (quasi 32mila rapidi): ma i nuovi positivi restano sotto 200 (150)

    Nel nostro territorio i casi totali sono 6, con notifiche nei comuni di San Casciano e Greve in Chianti. A zero Barberino Tavarnelle, Bagno a Ripoli e Impruneta

    FIRENZE – Tamponi boom in Toscana, trascinati soprattutto dai test rapidi, necessari per il Green Pass temporaneo (48 ore).

    E nonostante questa impennata clamorosa, con il numero totale di test che sfiora i 40mila, i nuovi positivi al Covid-19 nella nostra regione rimangono ampiamente sotto quota 200.

    Da valutare, e non si può non tenerne conto, quanto sia l’accuratezza dei test rapidi nel rilevare il virus.

    “I nuovi casi registrati in Toscana – dice nella sua comunicazione ufficiale il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani – sono 150 su 39.519 test di cui 7.667 tamponi molecolari e 31.852 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 0,38% (1,8% sulle prime diagnosi)”.

    Le dosi di vaccino attualmente somministrate nella nostra regione sono 5.724.624.

    Giani diffonde anche la tabella esemplificativa con le suddivisioni per Asl e comuni dei nuovi positivi asl virus.

    Numeri stabili anche nel nostro territorio. E che oggi vanno a riguardare solo due comuni su cinque (esenti da notifiche Bagno a Ripoli, Impruneta e Barberino Tavarnelle).

    Oggi quindi, martedì 19 ottobre, i nuovi positivi al virus nel nostro territorio si attestano a quota 6.

    Ecco le notifiche relative ad oggi, martedì 19 ottobre.

    Bagno a Ripoli 0

    Barberino Tavarnelle 0

    Greve in Chianti 2

    Impruneta 0

    San Casciano 4

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...