mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Tornare a scuola distanziati e sicuri. Comune e Istituto comprensivo al lavoro per predisporre il piano scuola

    L'amministrazione comunale di San Casciano attiva la Conferenza di Servizio al fianco dell’Istituto comprensivo Il Principe per predisporre il piano scuola per il rientro a settembre

    SAN CASCIANO – Il Comune di San Casciano e l’Istituto comprensivo Il Principe hanno attivato una cabina di regia territoriale finalizzata a predisporre un piano scuola che garantisca il diritto all’istruzione a tutti gli alunni.

    Il sindaco Roberto Ciappi, l’assessore alla pubblica istruzione Elisabetta Masti, il dirigente scolastico Marco Poli hanno dato vita alla conferenza dei servizi, un tavolo di confronto e collaborazione tra ente locale e scuola che assicuri la ripartenza a settembre e offra condizioni di autonomia scolastica con lezioni in presenza e in sicurezza.

    “Siamo pronti a reagire all’emergenza – dichiara il sindaco Ciappi – disponiamo di numerosi edifici scolastici caratterizzati da spazi ampi e ben distribuiti, possiamo dunque organizzare le aule in modo da ospitare gli studenti senza particolari criticità e rispettando le linee guida del governo sulle specifiche misure che riguardano il distanziamento di almeno un metro. La nostra sarà una scuola in grado di far fronte all’emergenza per la flessibilità degli spazi, le capacità organizzative e logistiche e la disponibilità degli edifici capienti e pronti ad accogliere gli studenti, desiderosi di tornare a vivere la scuola dopo il lungo periodo di isolamento che li ha costretti a stabilire esclusivamente un contatto digitale con gli insegnanti e i coetanei”.

    Il piano scuola è stato elaborato al termine di un lungo percorso di incontri e sopralluoghi effettuati in tutti i plessi comunali promossi e organizzati in una logica di reciproco supporto e collaborazione dal Comune e dall’Istituto comprensivo Il Principe.

    “Abbiamo esaminato le singole caratteristiche degli edifici presenti nel nostro territorio – ha aggiunto l’assessore Masti – nonostante le restrizioni stabilite dal Governo siamo in grado di organizzare adeguatamente le aule. Stiamo approntando alcuni interventi di manutenzione leggera che saranno accompagnati dall’acquisto di arredi scolastici necessari ad adattare gli spazi alle nuove esigenze di distanziamento. Il piano che abbiamo messo in campo per valorizzare e utilizzare al meglio gli ambienti ci permetterà di tornare alla normale attività didattica grazie alla collaborazione del dirigente Marco Poli e di tutto il personale dell’Istituto comprensivo Il Principe”.

    “L’intento condiviso è poter affrontare la fase 3 – ha rimarcato il dirigente scolastico Marco Poli- con le risorse e le prospettive di una comunità educante che crede, investe e ritiene prioritaria la necessità di offrire un tempo scuola, in presenza, il più esteso possibile e ripristinare il percorso di crescita di ogni bambina e bambino, ragazza e ragazzo. La squadra che abbiamo costituito è lo strumento migliore per raggiungere tali obiettivi”. 

    La Conferenza di Servizio è promossa dal Comune e prevede l’attivazione di una rete operativa con il supporto del Servizio educativo e dei Lavori pubblici del Comune e la presenza del dirigente scolastico del territorio che individui e risolva le criticità inerenti a spazi e arredi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino