spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 3 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tra contagi e sospensioni è carenza d’infermieri: “Serve una cabina di regia”

    L'Ordine Professioni Infermieristiche Firenze-Pistoia: "Necessario garantire in tempi certi sicurezza agli operatori e assistenza alle persone"

    FIRENZE – Le scelte degli infermieri che rifiutano di vaccinarsi, tanto dei sospesi quanto di chi si licenzia, sommate al numero degli infermieri che contraggono il virus pesano ogni giorno di più sul sistema sanitario e sull’assetto delle Rsa.

    A lanciare l’allarme è l’Ordine delle Professioni Infermieristiche Interprovinciale (Opi) Firenze-Pistoia che chiede alla Regione Toscana di istituire una cabina di regia ad hoc.

    «Chi resta in servizio è costretto a turni massacranti per coprire le voragini che si sono formate nell’organico” spiega Danilo Massai, presidente di Opi Firenze-Pistoia.

    “Per questo – dice – chiediamo che venga istituita una cabina di regia in assessorato alla sanità”.

    “Un tavolo – aggiunge – che coinvolga ordini di categoria, sindacati e datori lavoro per discutere e trovare soluzioni condivise a una situazione che sta diventando esplosiva”.

    Quello che preme è che ci si muova con la massima urgenza: “È necessario – dice Massai – stilare al più presto un elenco delle soluzioni condivise per gli operatori che ancora resistono, per gli ospiti delle Rsa, per le famiglie che si devono accollare l’assistenza, per le attività di cura sospese”.

    “L’assessorato – conclude – deve coinvolgere tutte le istituzioni in un percorso che punti a un obbiettivo comune: garantire in tempi certi sicurezza agli operatori e assistenza e cura alle persone”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...