spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ultimi dati sulla campagna vaccini Covid: Toscana prima in Italia per somministrazioni nelle Rsa

    Oggi, sabato 2 gennaio, alle 13 ammontavano a 5.346 i vaccini somministrati in Toscana, di cui 1.614 in Rsa: il 36% del totale nazionale nelle residenze per anziani

    FIRENZE – Oggi, sabato 2 gennaio, alle 13 ammontavano a 5.346 i vaccini somministrati in Toscana, di cui 1.614 in Rsa.

    Il dato a ieri sera, come riportato nel report del Governo, era di 3.579 vaccini, di cui 1.211 agli ospiti delle Rsa.

    Sulla base di questi dati la Toscana risulta la regione con più vaccini a questa categoria: si tratta di circa il 36 per cento del totale nazionale.

    “Non si tratta di rivendicare alcun primato –  commentano il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e l’assessore alla sanità Simone Bezzini – ma di sottolineare la scelta che abbiamo fatto puntando subito sugli anziani delle Rsa, ovvero sui più fragili e vulnerabili”.

    Tutte le dosi della prima fornitura sono già state prenotate e verranno somministrate agli operatori sanitari entro l’8 gennaio.

    Tra il 4 e il 6 è prevista una nuova consegna, per la quale verranno riaperte nuovamente le prenotazioni online per il personale coinvolto nella fase 1 e che aveva effettuato la pre-adesione.

    Nel frattempo oggi sono andate avanti regolarmente le vaccinazioni degli ospiti delle Rsa e del personale degli ospedali, a partire dei reparti Covid.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...