spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vaccinazioni: l’Asl Toscana sud est taglia il traguardo dell’80 per cento di immunizzati

    "Abbiamo raggiunto questa percentuale con un mese di anticipo rispetto alla data indicata dalla Regione" commenta il direttore generale Antonio D'Urso

    SIENA – L’Asl Toscana sud est ha sfondato il muro dell’80 per cento dei vaccinati.

    È arrivata all’80,03% la percentuale indicata per il raggiungimento della cosiddetta immunità di gregge.

    In termini assoluti sono 493.367 i cicli completi, 87.572 le prime dosi e infine 18.507 persone definite come “inadempienti definitivi” (esonerati per motivi di salute, pregressa immunità da malattia naturale o da vaccinazione effettuata altrove, rifiuti definitivi, non rintracciabili…).

    “Abbiamo raggiunto questa percentuale con un mese di anticipo rispetto alla data indicata dalla Regione” commenta il direttore generale della Asl Toscana sud est, Antonio D’Urso.

    “Un risultato – tiene a dire – per il quale ringrazio tutti gli operatori dell’azienda che si sono impegnati al massimo, con grande professionalità ed eccezionale disponibilità”.

    “L’azienda – rimarca D’Urso – ha messo in campo tutti gli strumenti possibili per favorire le vaccinazioni: dai grandi ai medi centri vaccinali, dalle sedute su prenotazione a quelle con accesso libero, ai camper per eventi, feste e, tra poco, fabbriche, centri artigianali e commerciali”.

    “Un grande sforzo – ammette – che ha registrato la collaborazione delle associazioni di volontariato, dei medici in pensione, dei mediatori culturali come nel caso delle vaccinazioni destinate ai cittadini stranieri”.

    Quota 80,03%è una tappa importante ma non traguardo. “Stiamo continuando con gli open day che abbiamo intensificato in questa settimana e con i camper” annuncia D’Urso.

    “Tentiamo di avvicinarci quanto più possibile ai luoghi di vita – sottolinea – di lavoro e di studio delle persone”.

    “La vaccinazione e ancora il mantenimento delle misure di protezione individuale – conclude – rimangono gli strumenti principali per garantire la ripresa dei normali stili di vita di ogni cittadino, a iniziare dallo studio in presenza e dal lavoro”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...