lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    Vaccini influenza. Gelli (Fondazione Italia in Salute): “Quota-farmacie inconsistente”

    "Con l’intesa stipulata ieri in Stato-Regioni si è deciso di destinare in via minima l'1,5% dei vaccini antinfluenzali nelle farmacie. Una decisione che lascia perplessi"

    FIRENZE – “Con l’intesa stipulata ieri in Stato-Regioni si è deciso di destinare in via minima l’1,5% dei vaccini antinfluenzali nelle farmacie. Parliamo dunque di circa 250.000 dosi.  Una decisione che lascia perplessi visto che il fabbisogno abituale di antinfluenzale acquistate dai cittadini in farmacia è di circa 800 mila dosi”.

    Così Federico Gelli, presidente della Fondazione Italia in Salute commenta l’intesa raggiunta ieri in sede di Conferenza Stato Regioni sulla fornitura di vaccini antinfluenzali alle farmacie.

    “Eppure – rimarca – proprio quest’anno, come tutti sappiamo, sarà necessaria una particolare sensibilizzazione verso questi vaccini vista l’emergenza Covid e l’assoluta necessità di non intasare gli ospedali”.

    Federico Gelli

    “Non dimentichiamo poi – aggiunge Gelli – che proprio a causa della pandemia in atto, quest’anno una circolare del Ministero della Salute ha esteso la gratuità di questa vaccinazione anche agli over 60 (prima era per gli over 65)”.

    “Aumenta quindi la platea dei potenziali destinatari. L’Italia non può assolutamente rischiare di farsi trovare impreparata di fronte a quella che si prospetta come la più importante campagna di vaccinazione degli ultimi anni”, conclude Gelli.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino