spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Visite ai degenti in ospedale: ecco le regole in vigore nell’Ausl Toscana Centro dal 10 marzo

    Nelle aree no Covid permessa la visita di un solo visitatore per paziente per un tempo massimo di 45 minuti: ecco tutte le modalità previste e gli orari

    FIRENZE – A partire dal 10 marzo e fino alla cessazione dello stato di emergenza, nei presidi ospedalieri dell’Azienda Sanitaria Toscana Centro sono applicate le nuove regole per le visite ai degenti trasmesse dall’assessorato al diritto alla salute della Regione, nel rispetto delle indicazioni della legge 11 dello scorso 18 febbraio.

    I direttori sanitari degli ospedali, coordinati dal direttore della Rete Ospedaliera Alessandro Sergi, hanno elaborato i regolamenti per l’accesso ai reparti no-Covid e raccomandano di seguire le regole per le visite ai pazienti ricoverati.

    E’ permessa la visita di un solo visitatore per paziente per un tempo massimo di 45 minuti.

    I visitatori possono accedere nelle strutture ospedaliere muniti di:

    • Certificazione verde Covid-19 rilasciata  dopo la somministrazione della     dose di richiamo successiva al ciclo vaccinale primario (green pass booster)

    • Certificazione verde Covid-19 rilasciata a seguito del completamento del ciclo vaccinale primario o dell’avvenuta guarigione dalla malattia (green pass rafforzato), unitamente a green pass base ottenuto a seguito di esito negativo del test antigenico rapido o molecolare, eseguito nelle 48 ore precedenti l’accesso.

    L’accesso non è, invece, consentito ai visitatori in possesso del semplice green pass base (ottenibile attraverso il solo tampone antigenico o molecolare).

    All’ingresso e all’uscita dal setting di ricovero deve essere effettuata la sanificazione delle mani con gel alcolico,ed è obbligatorio indossare la mascherina FFP2.

    Per l’accesso ai check–point all’ingresso degli ospedali è sempre previsto:

    • Obbligo di indossare la mascherina FFP2

    • Monitoraggio delle presenze da parte del personale dedicato e la verifica  dell’accesso di un solo visitatore per paziente per ogni fascia oraria

    • Misurazione della temperatura corporea

    • Controllo dell’utilizzo corretto della mascherina FFP2

    • Igiene delle mani con gel alcolico

    • Verifica del possesso del green pass consentito

    I soggetti con sintomatologia indicativa di infezione respiratoria acuta o sospetta per Covid-19 e soggetti sottoposti a misure di isolamento o quarantena non possono accedere alla struttura ospedaliera.

    All’interno dei presidi restano vincolanti le regole per il rispetto delle misure primarie di igiene e sicurezza, in particolare nelle aree comuni: corretto uso della mascherina FFP2, igiene delle mani, igiene respiratoria, distanziamento sociale. 

    Orari delle visite ai degenti

    Area Pratese

    • Nuovo ospedale Santo Stefano: due fasce orarie giornaliere dalle 12 alle 14 e dalle 18 alle 19.30

    Area Empolese

    • Ospedale San Giuseppe: due fasce orarie giornaliere dalle 13.30 alle 14.30 e dalle 19 alle 20

    Area Fiorentina

    Ospedale San Giovanni di Dio

    • Nei setting più delicati o per tipologia di reparto o per maggiore presenza di posti letto (Medicina interna, Chirurgia d’urgenza, RTI, HDU cardiologica, HDU DEA, Ostetricia) la Direzione sanitaria di presidio ha deciso, per evitare una compresenza di visitatori, di adottare il criterio delle visite nei giorni pari/letti pari e nei giorni dispari/letti dispari. Per giorni pari o dispari s’intendono quelli da calendario.

    • Medicina Interna: due fasce orarie giornaliere dalle 14 alle 15 e dalle 18.30 alle 19.30

    • Chirurgia Programmata Vespucci e Leonardo da Vinci:  due fasce orarie giornaliere ore 13.40-14.40 e 18.30-19.30

    • Chirurgia d’Urgenza:  due fasce orarie giornaliere 12.30-13.30 e 18.30-19.30

    • Terapia Intensiva, HDU Cardiologica, HDU DEA: due fasce orarie giornaliere dalle 15 alle 16 e dalle 16 alle 17

    • Ostetricia: due fasce orarie giornaliere dalle 17.30 alle 18.30 e dalle 19.30 alle 20.30

    Ospedale Santa Maria Nuova

    • E’ consentito di norma l’accesso nell’orario 13.30-14.15 (ogni reparto ha disciplinato l’accesso indicando un intervallo orario preciso tenendo anche conto della situazione del reparto, percorsi di accesso, che possono determinare orari diversi)

    Nuovo Ospedale del Mugello – Borgo San Lorenzo

    • Medicina 13.30-14 e 18-19

    • Chirurgia/Pediatria 14-14.30 e 19-19:30

    • La Terapia Intensiva, nel rispetto dei requisisti di green pass indicati, gestisce in autonomia gli accessi dei visitatori

    Ospedale Santa Maria Annunziata – Bagno a Ripoli

    • Area Medica 13.30-14 e 18.30-19

    • Area Chirurgica/Pediatria 14-14.30 e 19-19.30

    Area Pistoiese

    • San Jacopo: 13-13.45 e 19-19.45. Per la terapia intensiva e sub-intensiva l’orario viene concordato con il personale del reparto

    • San Marcello Piteglio:  12.15-13 e 18.45-19.30

    • SS. Cosma e Damiano: per tutte le degenze due fasce orarie 13.30-14.14 e 20-20.45. Per la Terapia Intensiva 11-11.45 e 16-16.45

    In tutti i presidi ospedalieri gli orari di visita di alcuni setting  possono subire variazioni rispetto alle esigenze sanitarie.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...