sabato 26 Settembre 2020
Altre aree

    Anci Toscana: il distanziamento di un metro farà raddoppiare mezzi e costi per i Comuni

    "E' giusto prevedere regole a tutela della salute di ragazzi e personale ma non è possibile che le inevitabili maggiori spese gravino sulle casse dei Comuni, già provate dall'emergenza Covid"

    FIRENZE – “Le nuove linee guida per il trasporto scolastico presentate al comitato tecnico-scientifico, prevedono che il metro di distanziamento tra gli alunni debba essere rispettato anche sugli scuolabus. E questo per i Comuni significa dover raddoppiare mezzi e personale”.

    E’ quanto afferma Paolo Omoboni, sindaco di Borgo San Lorenzo e delegato Anci Toscana per Mobilità e Trasporti.

    “Mi associo dunque – prosegue Omoboni – alla richiesta del nostro presidente nazionale Antonio Decaro: è indispensabile che il governo individui nuove risorse da destinare ai Comuni, per assicurare un servizio determinante per il diritto allo studio”.

    Decaro ha scritto in proposito alla ministra De Micheli, sottolinando come allo stato le nuove regole siano praticamente impossibili da rispettare.

    “Tutti i Comuni avranno problemi, soprattutto quelli piccoli e montani, dove spesso gli sculabus coprono lunghi tragitti” precisa Omoboni.

    “E’ giusto prevedere regole a tutela della salute di ragazzi e personale – conclude – ma non è possibile che le inevitabili maggiori spese gravino sulle casse dei Comuni, già provate dall’emergenza Covid”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino