mercoledì 8 Luglio 2020
Altre aree

    Fondazione CR Firenze: tute e mascherine ai medici di famiglia di Firenze e provincia

    Consegnate dei volontari degli Angeli del Bello: i medici possono scrivere per richiederne la consegna

    FIRENZE – E’ partita ieri mattina, di fronte al tendone Covid-19 presso l’ospedale di Santa Maria Nuova di Firenze, la consegna di tute mono uso idrorepellenti ai medici di famiglia di Firenze e provincia da parte della Fondazione degli Angeli del Bello.

    La presentazione dell’iniziativa si è svolta alla presenza della presidente dell’Ordine dei Medici di Firenze (la dottoressa Teresita Mazzei che ha portato il plauso di tutti gli iscritti a questa iniziativa), del direttore del Dipartimento Medicina Generale Emanuele Croppi, delle coordinatrici AFT Gavinana e Firenze Centro, dottoresse Elisabetta Alti e Barbara Baldini, e del segretario della sezione provinciale di Firenze della Federazione Italiana medici medicina generale (Fimmg), Vittorio Boscherini.

    Queste protezioni, che saranno consegnate su prenotazione, per adesso in un totale di circa 1.000 pezzi, sono state fornite alla Onlus fiorentina dalla Fondazione CR Firenze.

    Le consegne si aggiungono a quanto già è stato fatto grazie alla collaborazione tra gli Angeli del Bello di Firenze e la Fondazione CR Firenze durante l’emergenza Covid-19.

    È terminata domenica, infatti, la prima fase di consegna di 75.000 mascherine chirurgiche a oltre 670 medici di base di Firenze e provincia che ne erano sprovvisti per loro stessi ed i loro pazienti, con kit da 100 pezzi ciascuno.

    “La Fondazione CR Firenze, che non finiremo mai di ringraziare e che sostiene da anni gli Angeli in tanti e diversi progetti – dichiara il presidente della Fondazione degli Angeli del Bello, Giorgio Moretti – ci ha chiesto, in questo momento difficile per tutti, se potevamo coinvolgere i volontari nell’opera di distribuzione di migliaia di dispositivi di protezione sul territorio metropolitano”.

    “Abbiamo raccolto la richiesta senza esitazione – ammette – e per una volta non ci stiamo occupando di decoro ma di persone insieme a tanti altri soggetti che stanno svolgendo questa opera meritoria. Abbiamo operato per dare ai medici di famiglia ed ai loro pazienti questi strumenti e continueremo a farlo finché la Fondazione CR Firenze ce lo chiederà: è una cosa giusta in questo momento particolare”.

    “Una volontaria – ha rimarcato – qualche anno fa, mi ha fatto riflettere sul fatto che essere un Angelo del Bello fa bene a tutti ma anche a sé stesso; non finirò mai di ringraziare questi cittadini, volontari che si mettono a disposizione, che hanno a cuore la nostra città ed oggi anche i nostri concittadini”.

    “Questo intervento – sottolinea il presidente di Fondazione CR Firenze, Luigi Salvadori – si inserisce nelle tante operazioni che abbiamo compiuto in queste settimane per l’emergenza provocata dal Coronavirus. Ci siamo mossi secondo le urgenze del territorio perché la riteniamo la modalità più intelligente ed efficace, oltre al fatto di cercare di operare sempre assieme ad altre associazioni o istituzioni perché il lavoro di squadra consente di raggiungere lo scopo con maggiore efficacia. Anche in questo caso non ci siamo tirati indietro visto il ruolo determinante che hanno oggi i medici di famiglia e siamo lieti di poter contribuire alla loro sicurezza. La nostra amicizia e collaborazione con gli Angeli del Bello risale ormai a molto tempo fa e siamo sempre pronti a sostenerli ogni volta che si presenta l’occasione per favorire il bene comune”.

    Per le prenotazioni è necessario contattare la Fondazione Angeli del Bello scrivendo una mail a questo indirizzo [email protected], indicando il quantitativo richiesto e l’indirizzo di consegna.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...