mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    BusItalia Sita Nord, venerdì 10 luglio scipero di quattro ore: anche nel nostro territorio

    Dale 17 alle 21. Sindacati tutti compatti: "Comportamento dell'azienda cinico e noncurante nei confronti dei dipendenti". Le rivendicazioni

    FIRENZE –  BusItalia Sita Nord vedrà, venerdì 10 luglio, dalle 17 alle 21, uno sciopero unitario di 4 ore in Toscana. E anche in tutto il territorio chiantigiano, servito dai mezzi dell’azienda.

    “Non v’è memoria d’essere arrivati al punto di uno sciopero aziendale unitario di tutte le
    sigle sindacali presenti in BusItalia Toscana, perché nel passato siamo sempre riusciti a
    trovare accordi risolutivi delle vertenze sindacali”.

    Lo dicono in una nota Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal, Ugl: “Le difficoltà che anche il nostro settore sta attraversando in questo periodo Covid-19 – spiegano i sindacati –  hanno pesantemente danneggiato il personale viaggiante subendo una gigantesca riduzione dei turni di servizio, oltre alla cessazione il 21 giugno scorso del sostegno del Fondo Bilaterale di Solidarietà per tutti i dipendenti, al posto della Cassa Integrazione che la categoria non ha”.

    “Ma pure in Prefettura – riprendono – la direzione ha ostentato disinteresse verso le giuste rivendicazioni di tutti lavoratori BusItalia, comprese quelle riferite ai colleghi degli impianti fissi, anch’essi posti in ferie forzate invece di utilizzare adeguatamente l’istituto dello smart working”.

    “La società – accusano – non ha dato alcun segnale di collaborazione per cercare di reintegrare almeno qualche turno rispetto allo stesso periodo giugno-luglio non scolastico 2019, a differenze di tutte le altre aziende di Tpl toscane, che invece hanno inteso non limitare ulteriormente il diritto alla mobilità di tanti cittadini garantendogli il giusto servizio per una progressiva ripresa”.

    “L’Rsu – spiegano i sindacati – ha richiesto il reintegro della percentuale mancante di retribuzione per i colleghi posti al Fondo (stipendi ridotti del 50%!), proponendolo solo a fronte della certa riscossione aziendale di ogni risorsa pubblica prevista dalle specifiche norme governative emergenziali; infatti sinora la Regione Toscana sta sovvenzionando il trasporto
    pubblico ancora al 100%”.

    “Ma la risposta dell’azienda – riprendono – è stata unicamente quella di programmare un esaurimento sia delle ferie pregresse e quelle del corrente anno 2020. Tutte le organizzazioni sindacali si rammaricano nel non riscontrare più da tempo in questa azienda quell’interlocutore capace di mediare per raggiungere accordi equilibrati che soddisfacessero le esigenze di entrambe le parti”.

    “Questo suo noncurante e cinico comportamento – concludono – è alquanto contrario alla tanto decantata morale del Codice Etico del Gruppo FSI cui essa appartiene”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino