mercoledì 8 Luglio 2020
Altre aree

    Drammatico incidente in A1 direzione Sud: 4 morti fra cui due bambini (8 anni e 10 mesi)

    L'incidente, che ha portato alla chiusura dell'A1 stessa in entrambi i sensi di marcia, è avvenuto al km 360 in direzione sud, più o meno all'altezza di Monte San Savino

    TOSCANA – Un venerdì di sangue nel tratto toscano dell’A1, l’autostrada del Sole.

    Dove un terribile incidente stradale ha portato a un esito drammatico: 4 persone morte, fra le quali due bambini (una bambina di 8 anni e un bimbo di 10 mesi), e molti feriti (almeno 6) presi in carico dai sanitari del 118.

    Altri due minori rimasti feriti sono stati portati con l’elisoccorso presso l’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. Gli altri feriti, adulti, sono stati trasferiti agli ospedali di Arezzo e Siena.

    L’incidente, che ha portato alla chiusura dell’A1 stessa in entrambi i sensi di marcia, è avvenuto al km 360 in direzione sud, più o meno all’altezza di Monte San Savino.

    Sul posto, oltre ai mezzi di soccorso sanitario, i vigili del fuoco del Comando di Arezzo, comprerso l’elicottero Drago.

    Forti, ovviamente, le ripercussioni sul traffico. Il tratto della A1 è stato a lungo chiuso, poi riaperto intorno alle 17.30: si sono registrate code di 10 km in direzione sud, 5 in direzione nord.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...