venerdì 25 Settembre 2020
Altre aree

    I vigili del fuoco in missione di soccorso a Beirut: partita anche una squadra dalla Toscana

    Un team di 14 vigili del fuoco che assicurerà supporto tecnico sul fronte del rischio chimico-batteriologico con specialisti del nucleo NBCR

    FIRENZE – E’ partito ieri pomeriggio per Beirut (Libano) un team di 14 vigili del fuoco che assicurerà supporto tecnico sul fronte del rischio chimico-batteriologico con specialisti del nucleo NBCR (Nucleare, Biologico, Chimico e Radiologico).

    E per la valutazione dello stato delle strutture danneggiate dalla forte esplosione che ha colpito ieri un’area della città, causando – secondo le stime provvisorie – centinaia tra vittime e feriti.

    Gli specialisti del Corpo Nazionale, che saranno guidati dalla Team Leader Stefania Fiore della direzione centrale Emergenza del dipartimento dei vigili del fuoco, del Soccorso pubblico e della Difesa civile, provengono dalla direzione centrale Emergenza (1 unità) e dalle direzioni regionali di Lazio (2 unità), Piemonte (1 unità), Lombardia (3 unità), Toscana (1 unità) e Veneto (5 unità).

    Gli esperti dei vigili del fuoco si sono recati a Pisa a bordo degli elicotteri AW139 da Roma, Milano e Torino.

    Il corpo nazionale dei vigili del fuoco, allertato dal dipartimento della Protezione civile nazionale, risponde così alla richiesta di aiuto internazionale trasmessa dal Libano all’Emergency Response Coordination Centre (ERCC), il cuore del meccanismo europeo di protezione civile.

    Il team opererà con dotazioni speciali in grado di rilevare le sostanze pericolose a livello ambientale e di verificare la sicurezza delle strutture rimaste in piedi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino