venerdì 23 Ottobre 2020
Altre aree

    Proroga per la presentazione delle domande per l’affidamento dei servizi di accoglienza per stranieri

    Questo consentirà a un più ampio numero di operatori economici di aderire alle procedure negoziate. Nuova scadenza fissata alle ore 14 del prossimo 20 ottobre

    FIRENZE – “Al fine di consentire a un più ampio numero di operatori economici di aderire alle procedure negoziate per l’affidamento dei servizi di accoglienza in favore di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale – viene fatto sapere in una nota – il 16 settembre il Prefetto di Firenze ha decretato la proroga dell’originario termine per la presentazione delle domande, già determinato al 20 settembre 2020, con nuova scadenza fissata alle ore 14 del prossimo 20 ottobre” .

    “I relativi avvisi pubblici hanno ad oggetto il potenziale fabbisogno complessivo di 1400 posti dell’area metropolitana fiorentina –  fanno sapere ancora – ripartito tra tre differenti tipologie di strutture: unità abitative con capienza sino a 50 posti, centri collettivi con capacità ricettiva sino a 50 posti, centri collettivi sino a 99 posti”.

    “Il periodo di affidamento è di 12 mesi, con eventuale rinnovo per ulteriori 12 mesi, e il criterio di aggiudicazione è quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa” fanno sapere.

    I testi dei bandi e relativi allegati sono pubblicati sul sito web della Prefettura: www.prefettura.it/firenze

    Viene comunicato che “I soggetti interessati potranno presentare la propria adesione, correttamente compilata e sottoscritta, utilizzando il modello già pubblicato online il 13 agosto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...