lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    Prorogata al 15 ottobre la chiusura del bando regionale per potenziare la mobilità sostenibile

    Rivolto a tutti i Comuni ha l'obiettivo di favorire la realizzazione di piste ciclabili, corsie preferenziali per bus e taxi. Gli interventi ammessi potranno essere finanziati sino all’80%

    FIRENZE – Il precedente termine era stato fissato al 14 settembre, ma la scelta di spostare la chiusura del bando darà ai Comuni Toscani un altro mese di tempo per predisporre e presentare i loro progetti e le domande di finanziamento relative al bando regionale per la realizzazione di interventi urgenti, volti a favorire la mobilità sostenibile in risposta all’emergenza sanitaria COVID 19.

    Il bando, da 1,5 milioni di euro, ha l’obiettivo di potenziare la rete di piste ciclabili e favorire azioni di mobilità alternativa, per muoversi in sicurezza e al tempo stesso alleggerire la pressione sui mezzi pubblici e scoraggiare il ricorso all’auto privata.

    Altre azioni finanziabili con il bando sono la realizzazione di corsie preferenziali di bus e taxi ed azioni per consentire la convivenza tra il traffico veicolare e veicoli alternativi (bici o monopattini).

    Il bando si rivolge a tutti i Comuni, con particolare riferimento ai principali centri urbani.

    Proprio in funzione dell’urgenza di intervenire, le opere che avranno maggior punteggio sono quelle rapidamente cantierabili e più capaci di integrarsi con il sistema della mobilità locale. Gli interventi ammessi potranno essere finanziati sino all’80%.

    Il bando è stato approvato con DD 12626/2020 pubblicato sul BURT del 19/08; la proroga con DD 14120/2020.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino