mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Spacciatore (recidivo) forniva Valdelsa e Chianti: dopo un arresto continuava a spacciare. Ora è in carcere

    Lui e suo fratello erano stati arrestati dal Norm della Compagnia carabinieri di Siena circa quattro mesi fa, perché trovati in possesso di due etti e mezzo di cocaina

    SIENA – Lui e suo fratello erano stati arrestati dal Norm della Compagnia carabinieri di Siena circa quattro mesi fa, perché trovati in possesso di due etti e mezzo di cocaina che trasportavano su un’autovettura.

    Entrambi erano finiti dopo qualche tempo agli arresti domiciliari, ma poi le loro strade si sono, almeno per il momento, divise.

    Dopo quell’arresto per detenzione finalizzata allo spaccio di un così cospicuo quantitativo di stupefacente destinato anche alla provincia di Siena, era necessario monitorare i due giovani albanesi, rispettivamente di 25 e 23 anni, residenti a Castelfiorentino ma di frequente presenti nella provincia senese.

    Molto spesso si è potuto constatare in passato come Castelfiorentino abbia costituito il crocevia del traffico degli stupefacenti nella parte nord della provincia di Siena, così come Perugia lo è per quanto riguarda il settore sud: la Valdichiana e la Valdorcia.

    Sono stati pertanto compiuti da carabinieri della Compagnia di Siena dei servizi d’osservazione sotto casa che hanno mostrato come, mentre il 23enne aveva sospeso l’attività delittuosa (almeno per quello che si poteva constatare), il fratello maggiore invece aveva continuato lo spaccio, ricevendo clienti a casa nel trascorso mese di maggio.

    Dopo quegli appostamenti in borghese e i riscontri effettuati, è partita un’accurata informativa di reato diretta alla Procura della Repubblica di Firenze che si è rivolta al locale Tribunale di Sorveglianza che ha deciso per l’aggravamento della misura cautelare.

    La palese violazione degli obblighi imposti dall’autorità giudiziaria, e la commissione di reati analoghi a quelli per i quali era già stato arrestato hanno prodotto l’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che è stata notificata ieri allo straniero che è finito a Sollicciano.

    Per un po’ non potrà così rifornire tossicodipendenti della Valdelsa e del Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino