venerdì 23 Ottobre 2020
Altre aree

    Temporali e prime piogge d’autunno: ricognizione su fiumi e torrenti in corso

    Il Consorzio di Bonifica, come di consueto durante e dopo ogni ondata di maltempo è in giro le verifiche. In funzione la nuova traversa sulla Greve alle Sibille

    FIRENZE – Il primo check-up stagionale sembra aver dato al momento esito positivo.

    I temporali sparsi delle ultime ore su tutto il comprensorio del Medio Valdarno tra Firenze, Prato e Pistoia ha fatto tornare l’acqua in molti fossi, rii e torrenti senza destare problemi rilevanti.

    Come di consueto dopo ogni pioggia il Consorzio di Bonifica sta compiendo stamani il consueto giro di ricognizione sui punti più delicati del reticolo, andando anche a verificare le poche segnalazioni di criticità finora giunte al Numero Verde 800672242.

    La prima pioggia consistente dopo una prolungata siccità, con alvei completamente asciutti come è tipico della stagione estiva per molti torrenti e rii minori, trascina con sè foglie, erbe, residui di sfalci, piccoli e grandi rifiuti e per questo è ancora più importante di sempre andare a ripulire gli accessi ai tratti tombati o tutti i vari sistemi di controllo dell’ingresso delle acque.

    Intanto, è entrata in funzione la nuova traversa sulla Greve, all’altezza delle Sibille, al confine fra i comuni di Impruneta e San Casciano.

    “Operazione puntuale e fondamentale per il corretto funzionamento del reticolo idrografico minore – spiega il presidente del Consorzio Marco Bottino – che noi del Consorzio riusciamo a garantire grazie alla perfetta conoscenza dei luoghi e delle situazioni più delicate e al lavoro diretto ed appassionato dei nostri tecnici ed operatori”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...